POLITICA

SOVRANITÀ EUROPEA

FONTE: https://www.teramonews.net/sovranita-europea/

Uno dei temi sul quale la vasta area della destra si è soffermata negli ultimi anni è quello del sovranismo.

Cavallo di Troia per qualunque progetto londinese, americano o moscovita contro il Nostro Continente o qualcosa da potersi (e doversi) declinare in chiave europeista? 

Intanto è necessario premettere delle pillole di diritto pubblico per chi parla di UE ed euro come destini irreversibili: se la Costituzione apre a parziali e condizionate cessioni di sovranità all’art. 11, non per questo aderire a Trattati che limitano la sovranità nazionale diventa qualcosa di “irreversibile” in quanto lo Stato, come istituzione moderna e pertanto di per sè superiorem non recognoscens, prevede la sovranità come elemento necessario e “originario” per la sua stessa esistenza. Quindi la volontà politica statuale può sempre, appena ne ravvisi l’opportunità, scegliere e decidere di revocare quelle limitazioni di per sé reversibili e restaurare lo Stato con ciò che era già suo “per natura”. 

Il problema dunque, al di là della costituzionalità intrinseca dell’attuale assetto unionista, (contestato da molti ma comunque sempre approvato dalla Suprema Corte) è di ordine eminentemente politico: restare o meno nell’Unione Europea. Fuori dalla UE c’è il mondo intero ed occorre una seria quanto complessa programmazione di gestione di una Italexit per fasi, magari prevedendo un referendum consultivo degli italiani nella massima trasparenza delle opzioni. 

Ma è questa la scelta del cosiddetto sovranismo italiano? Già il termine sovranismo è equivoco in quanto, un’autentica opzione politica di tal fatta dovrebbe escludere ogni forma di neo-liberismo ma così non è, stando ai programmi di quei partiti che vi si richiamano. 

Già altrove ho cercato di evidenziare come questo bivio dell’indecisione sul tema della Italexit, alla lunga risulterà logorante e controproducente (can che abbaia non
morde
): 
https://www.radiospada.org/2020/05/pietro-ferrari-italexit-o-no-e-ora-di-scegliere/ dato che poi, la dialettica inconciliabile tra i cosiddetti PIGS e i Paesi nordici, va a rafforzare sempre la sintesi franco-tedesca, come asse necessario di equilibrio nel condominio eurista, gettandoci nella periferia riottosa. 

La vera dialettica oggi è (o dovrebbe essere) quella tra chi vuole restaurare la sovranità dello Stato (come luogo della rappresentanza politica) e chi vuole che essa invece rimanga ancora nelle mani delle istituzioni private bancarie, delle ONG e delle burocrazie apolidi. Un vero sovranismo politico non può essere niente altro che una riedizione del nazionalismo sociale ed economico: più Stato meno mercato, libertà economica nei limiti degli interessi strategici dello Stato, più diritti sociali e meno mondialismo, più Keynes e meno Chicago Boys. Questo ci lascia intendere come la prospettiva di una Europa Sovrana, come spazio Politico dei popoli europei, potrebbe ancora sussistere se il primato – appunto politico – venisse traslato dalla nazione alla Patria più grande, laddove un’Italia fuori dalla UE ma con una moneta debito in mano privata, resterebbe paradossalmente ancora nel paradigma anti-sovranista e succubo (se non più di Bruxelles e Berlino) di Washington, Londra, Tel Aviv o Mosca. 

In fin dei conti però, la sovranità (nazionale o continentale) non è altro che uno strumento ed ecco che allora, necessariamente, torna l’importanza del fine: quale Italia (o quale Europa) diversa da quella che c’è, lo strumento sovranista vorrebbe edificare? Sovranità energetica, digitale, militare, farmaceutica e finalmente monetaria. Così avrebbe senso. 

Esiste un Progetto Europeo alternativo delle forze antieuriste sovraniste? Esiste un Progetto Italiano che sarebbe inaugurato dalla Italexit? No! A ben vedere uno Stato sconfitto dalla guerra nel 1945, con decine di basi militari americane, col diritto comunitario da sempre vincolante (vedi qui ), che ha visto sul suo territorio scatenarsi la strategia della tensione e l’epoca oscura delle stragi senza mandanti, uno Stato che da solo, prima dei diktat di Bruxelles, aveva già regalato con una semplice lettera del ministro l’autonomìa alla Banca d’Italia nel 1981 (con aumento esponenziale del Debito Pubblico) rafforzata nel 1992 e che poi svendette il suo patrimonio pubblico, privatizzando anche tutto il settore bancario (cosa che i tedeschi e i francesi non hanno fatto), non so quanto fosse effettivamente sovrano prima di entrare nel sistema europeo di banche centrali. Abbiamo visto quanto è stato duro per gli inglesi (mai entrati nell’euro, antieuropei da secoli e con una vocazione geo-economica diretta verso l’ex area
del Commonwealth) uscire dall’Unione Europea. Se Italexit deve essere, varrebbe la pena scatenare un’epopea senza avere un progetto nazionale chiaro? Pertanto Italexit non sarà, anche perché né Lega né FDI l’hanno mai voluta davvero. Glissiamo sulle altre piccole e buffe sigle elettorali che servono solo a fare cassa di risonanza della propaganda del Cremlino… 

Forse dovremmo ripartire per gradi. Si vocifera da anni che dopo Tangentopoli saremmo entrati nella Seconda Repubblica e poi, con la fine del bipolarismo causato dal M5S, nella Terza. Possono essere trovate giornalistiche o analisi politologiche condizionate dal sistema elettorale, ma la realtà è che siamo ancora fermi alla Prima. 

Una qualsiasi rifondazione nazionale deve passare necessariamente attraverso una riforma della Costituzione per dare finalmente vita, ma per davvero, ad una Nuova Repubblica, magari Presidenziale, che abbia una Idea di se stessa ed una vocazione ad incarnarla CON l’Europa. 

Se proprio vogliamo salvare il termine “sovranismo”, archiviamo questo bluff terminologico e rilanciamolo in chiave continentale. 

Pietro Ferrari

Lascia una risposta