ESTERI E GEOPOLITICA

COME GLI INGLESI VEDONO (STRABICAMENTE) GIORGIA MELONI

Sui media anglosassoni le sue immagini affiancano quelle di un fantasma vagante nella storia patria, Benito Mussolini. Ma c’è anche chi smonta queste fake come il FT

FONTE: https://www.barbadillo.it/106434-focus-come-gli-inglesi-vedono-strabicamente-giorgia-meloni/

Una vibrante vestale italiana sta turbando la politica europea. Sui media inglesi le sue immagini affiancano quelle di un fantasma vagante nella storia patria: Giorgia Meloni e Benito Mussolini. Si tratta di un grande abbaglio figlio di una ideologia anti-italiana e della mancata conoscenza delle radici politiche antiche della destra italiana.
Metro del 27 settembre annota: “L’alleanza del duce con Hitler finì in sconfitta” ed egli “venne catturato e giustiziato.” (!). L’articolo della giornalista tuttologa Frances d’Emilio precisa che Miss Meloni ha cercato di ammorbidire la sua appartenenza politica ma che ancora adotta uno slogan fascista: “Dio, Patria e Famiglia.” Come se questo fosse indizio di reato! 

L’Evening Standard del 26 settembre suona la sirena: “Allarme dopo la vittoria dell’estrema destra in Italia. La prima donna primo ministro con legami con Mussolini pronta a guidare la coalizione… è allarme nelle capitali Ue e i mercati finanziari esamineranno le sue mosse dato il suo passato euroscettico e la posizione ambivalente dei suoi alleati sulla Russia… Il primo ministro francese Elisabeth Borne ha promesso: “In Europa abbiamo determinati valori e ovviamente rimarremo vigili””.

Tirandoci fuori dalla naftalina solo se diventiamo un “caso” qui i Brits esprimono giudizi misti sull’esito delle urne nostrane.
Amy Kazmin sul Financial Times del 24 settembre definisce Meloni “carismatica, tenace e formidabile politica…! Lei è l’ultima novità in un mercato politico affollato che ha prodotto instabilità, stagnazione economica e standard di vita in declino”. “Il vento soffia a favore di questa giovane donna, vista come diversa”, ha detto Roberto D’Alimonte (Università Luiss). “L’idea è che tutti ci hanno tentato, tranne lei, quindi lasciamola provare, come ultima risorsa. Ma senza troppo entusiasmo…” Secondo Marco Marsilio: “è persona molto seria e impegnata e soprattutto molto leale… mantiene la parola data e puoi sempre contare sulla sua presenza…”

Robert Fox sull’Evening Standard del 27 settembre va giù duro:
“Giorgia Meloni condivide la visione della storia di Putin … La sua vittoria è stata un enorme passo indietro per il Paese e la sua politica ha ascendenze mussoliniane… Meloni, che dice: “governerò per tutti gli italiani”, potrebbe avere qualcosa in comune con Putin. Entrambi abbracciano una falsa visione del destino e della grandezza della loro nazione… Putin è un dittatore dell’era digitale, con una desiderio e per i vecchi raggiri della gloria imperiale… Il fascino di Meloni è più sottile: la visione del bellissimo paese, basata sui buoni valori della famiglia cattolica e un’Italia per gli Italiani significa che gli immigrati dall’Africa devono essere fermati da un blocco navale attraverso il Golfo della Sirte e la costa della Libia… Meloni ha vinto perché ha offerto messaggi confortanti: valori familiari e sicurezza contro crisi, debiti e disperazione…”.

Timothy Garton Ash non la pensa così sul Financial Times del primo ottobre:
“Per un revival fascista guardate a Mosca, non a Roma… “. E poi:  “Alcuni italiani hanno una visione addolcita dell’era mussoliniana, ma oggi i veri fascisti si stanno rivelando altrove… È vero che, da giovane, Meloni fu appassionata aderente di un partito neofascista: una volta fu ripresa da una telecamera mentre descriveva Mussolini “il miglior politico degli ultimi 50 anni”. Ma etichettarla oggi come sua discendente diretta è un’esagerazione giornalistica. Meloni è senz’altro una populista di destra anti immigrazione, ultra conservatrice e nazionalista euroscettica. Tuttavia l’etichetta di “fascista” spetta ad altri paesi e personaggi: alla Russia di Putin, ad esempio. Qui si riscontrano molte delle caratteristiche storiche precipue del fascismo. Sia Berlusconi che Matteo Salvini hanno parlato con ammirazione di Putin. Fortunatamente Ms Meloni ha espresso un fermo sostegno a una posizione occidentale unita contro l’aggressione russa in Ucraina…”.

Kenan Malik Observer  del 2 ottobre: “Da Aristotele a Meloni, il ‘bene comune’ è stato utilizzato per dividere e governare (…). Giorgia Meloni ha denunciato la riduzione delle persone allo status di “schiavo consumatore”. Ha catturato l’immaginazione di molti sia a destra che a sinistra, inducendoli a considerarla come la persona che “dice quello che tutti pensiamo”… I temi di Meloni sono radicati nella storia della destra reazionaria e si connettono a un’ostilità pregressa verso migranti e Musulmani. Ma la sua condanna del capitalismo contemporaneo risuona ancora molto più ampia, riecheggiando anche molte critiche della sinistra”.

The Economist  dell’8 ottobre  si chiede: “Giorgia Meloni può permettersi le cose che vuole?… Una cospicua squadra di tecnocrati rassicurerebbe i mercati e i partner italiani dell’UE. Ma i suoi alleati vogliono posti a tavola. Più ne hanno, maggiore sarà la pressione sul prossimo primo ministro italiano…”.

Il cosiddetto maître à penser Roberto Saviano su The Guardian  del 24 settembre : “Giorgia Meloni è un pericolo per l’Italia e il resto d’Europa (…) Nega di essere fascista ma si aggrappa allo slogan dell’era fascista “Dio, patria, famiglia” definendolo una dichiarazione d’amore… Essa rappresenta un pericolo per gli equilibri democratici Ue. La sua leadership pare l’antitesi di ciò di cui l’Italia ha bisogno, e non solo in questo momento difficile. Un pericolo per l’Europa perché l’Italia è sempre stata un laboratorio: ha prefigurato le crisi di altri paesi… Dio, per lei, non sembra rappresentare la fede, piuttosto un marchio di cattolicesimo imposto come l’unica religione degna di diritti. I confini della patria vanno difesi, se necessario con la violenza, e la famiglia, sempre eterosessuale, non è culla d’affetto, ma dell’imposizione, dell’obbligo e della prescrizione. I suoi figli sono nati e riconosciuti nella forma imposta. La Meloni è, credo, pericolosa perché si avvicina alla scuola di bugie politiche di Berlusconi… Attenzione, perché dove va l’Italia, presto seguirà il resto d’Europa”.  

Le vere insidie per la nuova leader non risiedono nelle opinioni sempre soggette a scandaglio e a prove dei fatti, ma sono radicate negli ingordi  individui che compongono la sua stessa coalizione.

Lorenzo Ferrara

Lascia una risposta