EUROPANAZIONE

KULTURA

ZORRO THE CHRONICLES, IL VIDEOGIOCO. QUANDO GLI ATLANTISTI AMAVANO LA Z

FONTE: https://electomagazine.it/zorro-the-chronicles-il-videogioco-quando-gli-atlantisti-amavano-la-z/

Inafferrabile, indomabile, insuperabile nella maestria dell’uso della spada. Sempre dalla parte dei più deboli e contro le ingiustizie.
Zorro, alias Don Diego de la Vega, dal XIX secolo rimane personaggio della leggenda storica (principalmente delle popolazioni indigene dell’area del Nuovo Messico), della letteratura, del fumetto, del cinema, anche d’animazione.
Ma non solo.
Grazie a “Zorro The Chronicles”, ispirato all’omonima serie d’animazione francese del 2015 (conosciuta in Italia come “Zorro – La leggenda”), l’eroe mascherato diventa anche un moderno videogioco.
Edito da Nacon (https://www.nacongaming.com/it-IT/videogiochi) e sviluppato da BKOM Studios (https://www.bkomstudios.com), “Zorro The Chronicles” rimane, nella grafica e nelle dinamiche, fedele al film d’animazione.


Ben 18 le missioni da completare, più numerosi bonus da poter conquistare nel corso di ogni missione, ad esempio attaccando alle pareti delle abitazioni degli irriverenti manifesti contro Monasterio, il dispotico Capitano delle guardie di Los Angeles!
“Zorro The Chronicles” è un platform in 3D d’azione e esplorazione – da giocare con il controller – che permette combattimenti spettacolari attraverso combo spiegate, passo passo, all’inizio delle missioni stesse.
All’inizio del gioco, ma anche all’inizio di ogni nuova missione, è possibile scegliere il personaggio da controllare, tra un giovanissimo Diego de la Vega e sua sorella Ines. Il primo possiede maggiori punti d’azione, ma la seconda ha una vita in più da sfruttare.
Nel corso del gioco, ovvero attraverso i combattimenti contro le numerose guardie di Los Angeles, accumularemo punti che ci permetteranno di sbloccare nuove abilità che, a loro volta, ci permetteranno ulteriori combo e azioni di combattimento ancora più dinamiche e divertenti.
Possiamo, infatti, stordire le guardie a suon di frustate, scavalcarle, burlarci di loro semplicemente abbassando i loro pantaloni – con un semplice colpo di spada – oppure disegnando la mitica “Zeta” di Zorro sulle loro natiche.
Ma non solo, è possibile colpirle dall’alto, alle spalle, tirare sassi per distrarle, scivolare sotto le loro gambe e colpirli mentre non se l’aspettano.
Numerose ancora sono le tipologie di combattimenti possibili, rese ancor più spettacolari da una grafica che richiama in toto la serie d’animazione.
Una volta completate le prime due missioni, sarà possibile scegliere – anche senza ordine cronologico – la terza, la quarta, oppure la quinta missione. E, una volta sbloccata la quinta, potremo via via sbloccare le altre.
Non esiste una vera e propria trama di gioco, ma ogni missione stessa è un’avventura.
Inoltre, all’inizio di ogni missione, è possibile scegliere se fare un’entrata furtiva e quindi dare meno nell’occhio, oppure se andare direttamente all’attacco, contro le diverse tipologie di guardie.
Eh sì, perché, dovremo vedercela sia con guardie semplici – dotate di sciabola – sia con guardie corazzate – con elmo e scudo – sia fucilieri che…beh, se non facciamo attenzione, possono spararci direttamente addosso e farci secchi in pochi istanti! E, ovviamente, occhio al simpatico Sergente Garcia!
Una volta finite le vite a disposizione, potremo o ricominciare da capo la missione, oppure scegliere di ripartire dall’ultimo checkpoint.


Portare giustizia, nella California sottoposta al dominio spagnolo del XIX secolo, è tutt’altro che semplice!
Ad ogni missione le guardie si faranno più numerose e aggressive e, destreggiarsi con la spada, sarà sempre più una necessità.
Disarmare l’avversario, parare i colpi, usare acrobazie per sbilanciare le guardie, oppure per salire sui tetti degli edifici o sull’albero di un veliero. Queste solo alcune delle mosse che avremo a disposizione.
Occorrono riflessi pronti, maestria e furbizia.
Molti saranno i personaggi che si incontreranno nel corso delle avventure, ma non tutti sono nemici. Alcuni, infatti, ci aiuteranno a fare giustizia e a mettere fine alla prepotenza delle guardie di Monasterio e alle sue malefatte.
Tradotto completamente in italiano e con un comparto musicale che ricorda l’atmosfera latina della serie e dei film dell’eroe mascherato più celebre della California, “Zorro The Chronicles” è destinato a tutta la famiglia e divertirà grandi e più piccoli, sia per la sua veste cartoon – molto colorata – che per le numerose combo, che daranno vita a combattimenti mozzafiato, spesso dall’esito comico.
E’ disponibile, oltre che per pc (su Steam e Epic Games) anche per PlayStation®4, PlayStation®5, Xbox One, Xbox Series X|S e Nintendo Switch.
Per poter essere giocato su pc è necessario un sistema operativo Windows 10 con minimo 8 GB di RAM; una scheda video di fascia medio-alta (con minimo 2 GB di Vram) e 8 GB di spazio libero su disco fisso.
Su Steam, che è la versione che abbiamo testato, è acquistabile al seguente link:
https://store.steampowered.com/app/1571460/Zorro_The_Chronicles/

Luca Bagatin

Lascia una risposta