EUROPANAZIONE

ATTUALITA'

LA SALUTE EMOTIVA DELLE GENERAZIONI FUTURE È STATA SACRIFICATA SULL’ALTARE DEL COVID?

FONTE: https://www.theunconditionalblog.com/la-salute-emotiva-delle-generazioni-future-e-stata-sacrificata-sullaltare-del-covid/

Non aggiungo nulla di nuovo pubblicando la traduzione di questo articolo pubblicato ieri su HART. Lo faccio comunque perché credo sia importante mantenere alta l’attenzione sui gravissimi danni subiti dai nostri bambini durante questa pandemia e con la speranza, non so quanto ben riposta visti gli attuali decisori, che ci possa essere un cambio di strategia. Faccio inoltre notare che le misure prese in Gran Bretagna (di cui l’articolo si occupa) sono state ben diverse e molto più leggere di quelle prese in Italia.

(Prof. Maurizio Matteoli)

***

Il 4 aprile 2022 l’Ofsted (Office for Standards in Education, Children’s Services and Skills) ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulle implicazioni della pandemia sui bambini, concentrandosi sugli operatori dei primi anni di vita. Si tratta di una lettura sconfortante.

La salute fisica dei bambini è stata la meno colpita dalla Covid, ma ciò che li ha danneggiati di più è stata la risposta degli operatori dei primi anni di vita. Politiche governative molto discutibili, attuate in teoria per “fermare la diffusione”, hanno danneggiato i soggetti più vulnerabili della nostra società. La maggior parte delle persone è stata terrorizzata a tal punto da adottare queste procedure senza riflettere e ha trasferito le proprie ansie sui giovani. Nel periodo di panico, i rischi per la salute emotiva sono stati sostituiti da quelli per la salute fisica nella mente di molti; ciò ha rispecchiato la concentrazione esclusiva del governo, dei servizi sanitari e dei mass media sui tassi di mortalità. I bambini hanno un tasso di sopravvivenza del 99,995%, ma il loro sviluppo personale, sociale ed emotivo è stato significativamente compromesso da coloro che avrebbero dovuto proteggerli. Hanno seguito linee guida basate su una scienza discutibile, fomentata dalla paura e senza un apparente pensiero critico.

Il rapporto dell’Ofsted è una lettura sconfortante. Chi lavora nel campo della sanità, dell’assistenza all’infanzia, dell’istruzione, dello sviluppo infantile e dei traumi dovrebbe essere consapevole, fin dalla sua formazione, di quanto siano cruciali i primi anni di vita per quanto riguarda lo sviluppo del cervello. Eppure si continuano ad adottare pratiche profondamente dannose per i bambini piccoli. Maschere facciali, chiusure a raffica, allontanamento e isolamento sociale, messaggi di paura costanti, servizi di assistenza all’infanzia inconsistenti e irregolari, divieto per i genitori di entrare nei locali per lasciare e riprendere i propri figli. Questo elenco è l’antitesi di ciò di cui i bambini hanno bisogno per svilupparsi come membri sani, felici e sicuri della società.

È estremamente scoraggiante vedere maschere facciali indossate intorno a neonati e bambini piccoli. I danni che ne derivano per i nostri bambini, come descritto nel rapporto dell’Ofsted, erano prevedibili:

“I bambini hanno un vocabolario limitato o non hanno confidenza con la parola. Inoltre, alcuni bambini hanno faticato a rispondere alle espressioni facciali di base. Gli operatori hanno riferito che i bambini erano particolarmente ansiosi e non abituati a vedere volti diversi e molti hanno notato ritardi nei processi di linguaggio e di parola dei bambini.”

La possibilità di vedere volti completi è fondamentale per il sano sviluppo del cervello dei bambini. Le espressioni non visibili sono molto disorientanti e confondono. Indubbiamente, ciò avrà spesso minato in modo significativo il processo di legame e di attaccamento tra i genitori e i loro bambini, portando potenzialmente a gravi effetti negativi sulla salute mentale di questi ultimi, o di entrambi.

“Alcuni operatori continuano a notare ritardi nello sviluppo fisico dei bambini, con ritardi nell’imparare a gattonare e a camminare. Alcuni hanno riferito che i bambini sono regrediti nelle capacità di autonomia e di cura di sé. Inoltre, un operatore ha commentato che i bambini sembrano aver trascorso più tempo sugli schermi e hanno iniziato a parlare con accenti e voci che assomigliano al materiale che hanno guardato.”

Quasi quotidianamente vengono diffusi altri rapporti e dati sconvolgenti che evidenziano gli ulteriori danni causati alla prossima generazione dalla pandemia di paura che dura da due anni. Tra questi vi sono:

  • I tassi di aumento dell’IMC (Indice di Massa Corporea) sono quasi raddoppiati, con un tasso di variazione di 2,5 volte superiore a quello precedente alla pandemia per i bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni.
  • Un calo di quasi 20 punti in quello che dovrebbe essere più o meno equivalente al quoziente intellettivo, raggiunto in soli 2 anni, per i bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 3 anni. I bambini di questa età imparano cose che non possono apprendere in seguito, come il riconoscimento precoce del linguaggio, aiutato dall’osservazione e dall’interazione con persone che mostrano il loro volto completo (non nascosto dietro una maschera).
  • I bambini nati durante la pandemia hanno subito ritardi nello sviluppo e potrebbero essere in ritardo a causa dei livelli di stress delle loro madri. I ricercatori della Columbia University, negli Stati Uniti, sostengono che i blocchi, il lavoro e le preoccupazioni per la salute possono influire sullo sviluppo dei neonati.
  • Secondo uno studio dell’UCL, in Inghilterra altri 60.000 ragazzi delle scuole secondarie sono caduti in depressione clinica.
  • I bambini chiusi in casa non riescono a parlare o a giocare correttamente, secondo i dati del Royal College of Speech and Language Therapists. Le valutazioni mostrano che un bambino su cinque non soddisfa gli standard entro l’età di 2,5 anni e le percentuali scaturiscono dall’allarme che le diagnosi sono raddoppiate dopo la pandemia e che i terapisti non sono in grado di tenere il passo.
  • I dentisti hanno avvertito che 20.000 bambini con denti cariati hanno perso l’opportunità di sottoporsi a operazioni per migliorare lo stato di salute, dato che il numero di estrazioni si è dimezzato nel primo anno della pandemia.
  • I servizi di salute mentale per bambini in Inghilterra sono sovraccarichi al punto che i giovani aspettano fino a 2 anni per essere curati. Questo dopo un decennio in cui il governo ha promesso che le malattie mentali avrebbero avuto una “parità di trattamento” con le malattie fisiche.

È vergognoso che i terapeuti informati sui traumi non si siano espressi – se non in pochi – per proteggere le preziose vite emotive e il delicato sviluppo cerebrale dei bambini. Allo stesso modo, è notevole che gli adulti a cui è stata affidata la loro cura e protezione abbiano permesso che i bambini fossero trattati in questo modo. Il fatto che i genitori siano generalmente consenzienti è un’ulteriore testimonianza del potere della paura nell’influenzare il comportamento.

In un articolo che ho scritto per HART nell’ottobre 2021, intitolato “Un approccio informato sul trauma e l’adesione alle linee guida Covid-19 possono coesistere eticamente?”, ho documentato a lungo come la risposta alla pandemia ostacolerà profondamente lo sviluppo emotivo dei bambini e che i professionisti e gli assistenti che sono “informati sul trauma” dovevano riconoscerlo e sfidare le politiche aberranti. Purtroppo, questa profezia di danni diffusi ai nostri bambini era accurata. Sebbene possa essere troppo tardi per coloro che sono già stati colpiti, non è troppo tardi per assicurarsi che queste politiche non vengano mai più inflitte ai nostri bambini. Usare i giovani come scudi umani per proteggere gli adulti in questo modo è antisociale, abusivo e non scientifico; non deve mai più ripetersi.

Articolo originale su HART – Traduzione a cura del Dott Maurizio Matteoli

Lascia una risposta