EUROPANAZIONE

ECONOMIA

LA GERMANIA TRASFORMA GLI IMPIANTI DI LNG IN HUB DI IDROGENO ECOLOGICI

FONTE: https://notiziefinanziarie.org/2022/06/03/la-germania-trasforma-gli-impianti-di-lng-in-hub-di-idrogeno-ecologici/?twclid=2y00lywoli030qrfzl5n0x42n&amp=1

Come già sappiamo l’Europa sta affrontando un periodo di distacco dal gas naturale russo, iniziando a creare sempre più impianti di trasformazione della materia prima dalla forma gassosa a quella liquida per favorire lo stoccaggio di essa e far fronte anche a gli scenari peggiori.

La Germania, che attualmente è il maggior acquirente di gas russo, prevede di abbandonare l’energia a combustibili fossili entro il 2035. Ma invece di chiudere le infrastrutture del gas naturale, sta accelerando la costruzione di diversi nuovi impianti che consentiranno alle aziende di importare il combustibile per il riscaldamento del pianeta via nave per i decenni a venire. Poiché i terminal terrestri richiedono diversi anni per essere costruiti, il governo ha anche affittato strutture galleggianti che possono iniziare a ricevere gas naturale liquefatto già da quest’anno. Per conciliare la corsa all’approvvigionamento di gas con l’ambizioso piano del governo, la Germania vuole che ciascuno dei terminali proposti gestisca carburanti privi di emissioni di carbonio importati da paesi come l’Australia e gli Emirati Arabi Uniti. Il compromesso consente alla Germania di affrontare l’attuale crisi energetica pianificando un futuro senza emissioni.

Le aziende possono importare LNG per alcuni anni, andando a compensare la perdita di gas russo e quindi andando ad utilizzare alcune delle stesse infrastrutture per gestire combustibili verdi che possono alimentare le reti e riscaldare le case. Ma i meccanismi per effettuare tale passaggio sono complicati e in questa fase quasi tutti teorici.
I nuovi terminali tedeschi saranno costruiti per ricevere LNG. Il processo è quello di raffreddare il gas sotto forma gassosa a -160 gradi Celsius (-260 Fahrenheit) in modo che diventi liquido. Quando le navi arrivano al molo, il liquido criogenico viene aspirato utilizzando tubi progettati per resistere a temperature molto basse e consegnato a speciali serbatoi di stoccaggio.

Problemi e soluzioni verso una possibile transizione verde con l’idrogeno: Quasi nessuna delle apparecchiature utilizzate per farlo è adatta a gestire l’idrogeno, che è più difficile da immagazzinare e trasportare perché le sue molecole sono molto più piccole del metano che costituisce una grossa fetta del gas naturale. È vero che l’idrogeno può essere spostato anche come liquido tramite nave, ma il gas deve essere raffreddato a -250°C, richiedendo vasi completamente diversi. “La conversione di un terminale LNG in uno per l’idrogeno liquido è una sfida tecnica”, ha affermato Arno Büx, chief commercial officer di Flyxus, azienda belga che opera nel trasporto del gas naturale. “Un modello di business economicamente sostenibile… è tutt’altro che imminente”.
Un modo più semplice per spostare l’idrogeno è convertirlo in ammoniaca, che si liquefa facilmente a -33°C. Il composto, formato da azoto e idrogeno, funge da vettore per quest’ultimo. L’ammoniaca può essere bruciata per l’energia o utilizzata per produrre fertilizzanti o riconvertita in combustibile a idrogeno. Gli stessi serbatoi e tubi utilizzati per gestire il LNG possono funzionare con l’ammoniaca e i costi di ottimizzazione di un terminale esistente sarebbero solo il 15% di quanto necessario per costruire una struttura completamente nuova, ha affermato Büx.

sconosciuto.svg

La conversione tra i due composti è anche estremamente ad alta intensità energetica, il che significa che le aziende devono trovare grandi quantità di energia pulita per garantire che il processo sia a emissioni zero.
Ecco perché la maggior parte dei terminali LNG previsti in Germania stanno proponendo una terza opzione nel frattempo: importare un carburante noto come LNG sintetico. Per realizzarlo, l’idrogeno viene combinato con l’anidride carbonica, catturata dalle ciminiere di fabbrica o creata quando i rifiuti organici si decompongono andando a formare il metano e conferendogli una composizione chimica identica al gas naturale.

Il metano artificiale può essere facilmente trasportato e utilizzato nelle reti esistenti, oppure riconvertito in idrogeno verde e utilizzato per decarbonizzare settori come la produzione e il trasporto dell’acciaio. Questo processo produrrà CO₂, che può essere catturata e rispedita alla fonte, dove può essere nuovamente fusa con l’idrogeno per produrre LNG sintetico, creando un circuito chiuso che non rilascia carbonio nell’aria.
TES, azienda belga che si occupa di impianti ad idrogeno verdi, sta sviluppando un hub per l’energia pulita da 2,5 miliardi di euro nella città di Wilhelmshaven lungo la costa tedesca del Mare del Nord. Il terminal inizierà a ricevere spedizioni di LNG convenzionale dalla fine del 2025 e potrà passare alla lavorazione del metano sintetico a emissioni zero dal 2027 e senza costi aggiuntivi. Entro il 2045, l’azienda prevede di importare abbastanza gas verde per produrre più di 5 milioni di tonnellate di idrogeno, l’equivalente di circa il 10% della domanda totale annuale di energia primaria della Germania. Sebbene il mercato dell’idrogeno sia ancora troppo piccolo per soddisfare le ambizioni di TES, un aumento di quasi il 450% dei prezzi del gas in Europa lo scorso anno ha reso il carburante verde competitivo in termini di costi rispetto ai combustibili fossili con circa un decennio di anticipo rispetto al programma. 

Luca Pompili

Lascia una risposta