EUROPANAZIONE

KULTURA

THE NORTHMAN, O DEI VICHINGHI PRIMA DEI NORMANNI

FONTE: https://www.destra.it/home/the-northman-o-dei-vichinghi-prima-dei-normanni/

Con “The Northman” Robert Eggers ha realizzato una pellicola realmente interessante. Alexander Skarsgård interpreta efficacemente l’anima, decisamente non commerciale della pellicola. La trama si sviluppa sufficientemente bene tra il piano del mistero e dell’esoterismo.

La regia di Eggers è fluida mai banale. The Northman è una pellicola di pregio, è una storia di vendetta fondata su saghe ancestrali che permeano anche per l’Amleto di Shakespeare, non a caso il personaggio di Skarsgård si chiama Amleth. Ed è una pellicola che, per narrare della sete di vendetta di Amleth e seguire quindi il destino a lui assegnato dal “Fato”, utilizza uno stile cinematografico capace di alternare un realismo aderente ai personaggi in scena: le intemperie, la fatica, la violenza, il fango e il sangue, il rompersi delle ossa; con invece periodi visionari, metafisici, tra mito, sogno e sciamanesimo.

Il regista monta nella stessa inquadratura, nella stessa sequenza, l’equilibrio instabile ed esplosivo che era l’ispirazione delle pellicole precedenti, comunque riuscite ma meno pregevoli dell’ultima. La violenza e la visceralità di The Northman e la messa in scena delle vicende che racconta sono “derivate” dalle opere di Nietzsche, rievocano le profondità dell’anima, non psicologiche ma antropologiche “sepolte” dentro gli uomini e le donne contemporanee. Centotrentasette minuti da non perdere con Alexander Skarsgård: Amleth, Oscar Novak: Amleth da giovane, Nicole Kidman: regina Gudrún, Claes Bang: Fjölnir

Fabio S. P. Iacono

Lascia una risposta