EUROPANAZIONE

POLITICA

QUELLI DEL 9 MAGGIO

Buone capriole!

FONTE: http://www.noreporter.org/index.php/alterview/28734-quelli-del-9-maggio

È troppo facile sparare sulla Croce Rossa. Figurarsi quanto lo sarebbe breccolare i camerati che trovano le giustificazioni più assurde per esultare dietro alla Bandiera Rossa!

Certo, alcuni non vedevano l’ora di spogliarsi di ogni cosa per approdare in altri lidi; già li sento affermare che il fascismo non fu una vera rivoluzione, non come il bolscevismo; o che la Russia si difese dall’invasione proditoria, ignorando o fingendo di non sapere come allora la Germania anticipò la sua coltellata alle spalle. Compagni mancati che provano a rientrare dalla porta secondaria nella casa comunista che avevano mancato a suo tempo.

Ma gli altri si devono ripetere fino alla nausea delle scuse pietose per digerire la comunione odierna con gli orchetti della loro utopia tolkien-putiniana.

E qui sta il problema della loro infelicità.

La loro vittoria

Non voglio tornare ancora una volta sulla distorsione illusoria determinata da speranze delegate a personaggi e/o panorami immaginari per uscire dalla propria angoscia.

Diciamo che ci può anche stare, ma induce profondamente in errore e, soprattutto, irretisce.

Se si ragiona con freddezza e disincanto, se si stabilisce che qualcosa o qualcuno assumono una valenza positiva nei nostri ragionamenti, non è necessario identificarsi in essa o in lui come in una religione o in un capo. Si può benissimo essere germanofili ed europeisti senza mitizzare la Merkel e prendendo le distanze da alcune sue esternazioni. Si può benissimo approvare la politica estera e la linea europea di Macron senza fingere che la sua politica culturale ed economica siano d’arcobaleno.

Si deve invece essere realmente disturbati per immedesimarsi nella Vittoria Patriottica dei russi e per celebrarla insieme a Putin, fingendo con se stessi che non si tratti della vittoria sul fascismo, sull’Europa e sul ciclo eroico. Fino a che punto si è disposti a mentire a se stessi e a ingannarsi? 

Dalla Charlemagne all’Armata Rossa la capriola è spettacolare e la disinvoltura è imbarazzante.

Gabriele Adinolfi

Lascia una risposta