ESTERI E GEOPOLITICA

PUTIN DI DESTRA È L’ULTIMA BARZELLETTA DIFFUSA SUI SOCIAL

FONTE: https://www.7colli.it/putin-destra-zelensky-russia-ucraina-berlusconi-salvini-meloni-francesco-storace-55477/

Difficile capire se i social rappresentano davvero gli orientamenti della pubblica opinione a partire da una presunta identificazione tra destra e Putin. Quello che si legge sul conflitto russo-ucraino è terribile.

C’è addirittura una specie di dibattito fintamente ideologico che pretenderebbe una sorta di equazione destra=Putin.

Ma quale Putin di destra…

È roba da matti.

E non solo perché la scuola di Putin si chiama Kgb e qualcosa dovrebbe significare agli occhi di chi è di “destra”.

Già sento l’obiezione: ma come, Berlusconi, Salvini e Meloni lo hanno identificato negli anni come un punto di riferimento. Ora, a parte che con Putin sono andati a parlare tutti e senza fare gli schizzinosi, la realtà è che la guerra cambia tutto. Perché diventa inaccettabile l’assedio armato ad una nazione. E davvero non si capisce perché fare la guerra dovrebbe essere “di destra”.

Di più. Si dice che “gli americani hanno le loro colpe”. E sicuramente anche questo può essere vero. Ma non si può disconoscere il dettaglio del grilletto: chi spara in maniera scriteriata ha sempre torto, perché preferisce l’opzione militare a quella politica e diplomatica. Quei 170mila soldati schierati a febbraio al confine con l’Ucraina, li ha posizionati la Russia o l’America?

Non si può negare l’evidenza dei fatti e un domani risalire anche alle responsabilità. Ma oggi i fatti sono quelli rappresentati dalle cannonate russe sull’Ucraina. A cui rischia di aggiungersi la prospettiva di far precipitare il mondo – a partire dall’Europa – in un nuovo conflitto globale.

No allo sterminio dei popoli

No, non è “di destra” auspicare lo sterminio che Putin fa di intere popolazioni. Lasciamo stare le follie ai Cinquestelle, che ancora ieri hanno avuto il monopolio, compresi i loro ex di “Alternativa”, della diserzione dell’Aula di Montecitorio durante il discorso di Zelensky.

Che è stato sobrio, umile, rispettoso.

Gli ucraini sono un popolo aggredito e l’Occidente intero ha il dovere di aiutarli. Le immagini che arrivano da quella parte del mondo dovrebbero essere sufficienti.

Francesco Storace

Lascia una risposta