KULTURA

LA POTENZA SEMPRE VIVA DELL’ESEMPIO DI SPARTA

La raccolta di saggi di Passaggio al Bosco ripercorre la storia di Lacedemone, che si fa strumento di formazione per i guerrieri moderni

FONTE: https://www.barbadillo.it/103621-libri-la-potenza-sempre-viva-dellesempio-di-sparta/

L’esempio di Sparta. Un nome che ha radici antichissime e che, ancora oggi, evoca gesta e valori estremamente rilevanti. Per comprendere meglio il mito senza tempo di Lacedemone, Passaggio al Bosco ha dato alle stampe un volume molto interessante intitolato L’esempio di Sparta (collana Agoghé, Passaggio al Bosco 2022): si tratta di una raccolta di contributi di autori vari curata da Marco Scatarzi che appunto, come precisa il sottotitolo, mira a tracciare la “storia, eredità e mito di una Civiltà immortale”.

Una civiltà che, come è giustamente sottolineato nella quarta di copertina, è stata capace di

“illuminare i secoli e fornire perenni linee di vetta. Fonte di ispirazione per guerrieri, filosofi e rivoluzionari, Lacedemone ha tracciato un solco unico e irripetibile: dalla totalità organica del suo ordinamento alla ferrea educazione dell’Agoghé; dall’essenziale austerità del suo stile di vita alla centralità comunitaria delle sue istituzioni; dalla celebre potenza della sua falange alla formidabile tempra dei suoi soldati”.

Grazie anche ad una grafica particolare, in cui il testo è arricchito da immagini e da pagine da leggere in negativo (bianco su nero) che ne spezzano la linearità anche visiva, le circa duecento pagine del volume propongono ai lettori un percorso che si configura – questo lo scopo dichiarato della raccolta – come “uno strumento di analisi storica ed un contributo alla formazione di sé, nel solco di una Weltanshauung eroica, marziale e solare”.

Ecco allora che, pagina dopo pagina, la concezione del mondo dei lacedemoni attraversa il tempo e lo spazio e grazie ai contributi degli autori (Marco Scatarzi, Maurizio Rossi, Pino Rauti, Roberto Giacomelli, Alessandro Manzo, Francesco Dal Pino, Comunità Militante Raido, Rutilio Sermonti, Nello Gatta, Adriano Scianca) arriva, con la sua immutata ed evocativa potenza, fino ai giorni nostri.

Giorni in cui si assiste ad una omologazione imposta dal pensiero unico globalista e dalle sue derivazioni (in primis “cancel culture” iconoclasta, che vorrebbe annullare qualunque radice tradizionale in nome di una presunta uguaglianza livellatrice verso il basso). Giorni in cui, proprio per questo, riproporre il riferimento a radici storiche come quelle di Sparta diventa assai significativo. E necessario. Perché per reagire a tale declinante andamento, occorre attingere alla “cultura delle origini” e alla memoria ancestrale della nostra Civiltà: quella che si alimenta – è giustamente sottolineato nella scheda editoriale del libro di Passaggio al Bosco – con “il sangue versato alle Termopili, che rappresenta un esempio imperituro di coraggio, di sacrificio e di attaccamento alla Patria”.

Cristina Di Giorgi 

  1. Anton

    Siccome questo è un argomento che m’interessa in maniera particolare, permettetemi di proseguire, molto brevemente, il discorso lasciato in sospeso nel mio ultimo commento.

    Nell’articolo relativo al bel libro (l’ennesimo) edito da Passaggio al Bosco, si accenna – giustamente – a “cultura delle origini” e “memoria ancestrale della nostra Civiltà (europea, s’intende)”. Sparta fu, forse, il modello di Stato, per certi versi, più simile a quello romano; e il nome di Sparta (così come quello di Roma) è sicuramente legato anche e soprattutto alle cd. arti marziali.

    E in Europa, le arti marziali orientali (Cina, Giappone, Corea, Indonesia, Filippine, Thailandia) sono diventate sempre più popolari dal secondo dopo-guerra ad oggi, facendo dimenticare agli appassionati – ma in fondo, solo per qualche decennio – il fatto che di arti marziali e sport da combattimento, in Europa… si abbondi!

    Fortunatamente, in questi ultimi anni, si sono riscontrate una riscoperta e una valorizzazione delle arti marziali europee via-via sempre più importanti; cosa, a mio avviso utile, soprattutto come contributo al ravvivamento delle summenzionate “cultura delle origini” e “memoria ancestrale della nostra Civiltà”; d’altronde, i popoli orientali, fierissimi delle loro rispettive culture, da tempo utilizzano in particolar modo le arti marziali proprio a fini identitari/nazionalistici.

    Queste sono le nostre arti marziali europee tradizionali che nulla hanno da invidiare al Kendo o al Ju-jutsu (alcuni esempi dimostrativi):

    https://www.youtube.com/watch?v=vyVu0z4aGFc (Polska)

    https://www.youtube.com/watch?v=OEhlHPOb9hg (Italia)

    https://www.youtube.com/watch?v=iR9rN4_32Xw (Deutschland)

    Molto interessante anche la riscoperta del combattimento al coltello e bastone italiani (scuola siciliana, calabrese, pugliese, romana, lombarda e veneta: queste le più importanti), prima tenute assolutamente segrete:

    https://www.youtube.com/watch?v=Bwf3u5lR0So

    Senza dimenticare gli sport da combattimento europei – Boxe inglese; Boxe francese (Savate); Lotta greco/romana e Lotta libera; Scherma (fioretto, spada, sciabola); Tiro con l’arco.

    Buona pratica!

Lascia una risposta