EUROPANAZIONE

ESTERI E GEOPOLITICA

I PAZZI GESTISCONO IL WASHINGTON ASYLUM

FONTE: https://www.controinformazione.info/i-pazzi-gestiscono-il-washington-asylum/

Il periodo più pericoloso nella storia del mondo è peggiorato dopo che i Dem hanno usurpato il potere a Washington tramite un furto elettorale (supportato dal Mainstream).

Ostili verso Russia, Cina, Iran e altre nazioni libere dal controllo degli Stati Uniti, la loro rabbia nel non riuscire a trasformarli in stati vassalli rischia una guerra globale con armi di distruzione di massa.

Venerdì e sabato, i ministri degli esteri del G7 si sono incontrati a Liverpool, in Inghilterra, per tracciare ulteriori strategie e tattiche anti-Russia, anti-Cina, anti-Iran, anti-pace e stabilità in un momento in cui non esistono le minacce inventate da parte delle suddette nazioni – soltanto quelle reali dell’egemonia degli Stati Uniti e degli stati vassalli sottomessi.

Sembrando una interventista alla Blinken, il ministro degli esteri del regime di Boris Johnson, la Lis Truss, non ha smesso di dichiarare guerra, dicendo:

“Dobbiamo difenderci dalle gravi minacce di attori ostili (sic)” — che non esistono.

“Per fare questo abbiamo bisogno di una voce unita più forte (sic).”

“Dobbiamo fare di più per portare i paesi nella sfera delle cose in cui crediamo (sic).”

Rivendicare l’egemonia degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e degli stati partner ” quelli che mirano… ad espandere la portata della libertà e della democrazia” nei loro paesi ha ignorato che queste creazioni teoriche e le nozioni correlate sono del tutto bandite dai loro regimi al potere.

Dire “dobbiamo (dobbiamo) affrontare attori maligni in tutto il mondo che stanno cercando di sfidarci” ha aumentato il rischio di un conflitto globale contro Russia, Cina e altre nazioni libere dal controllo egemonico.

La ministra degli esteri del Regno Unito, Liz Truss, si è presentata in Estonia a bordo di un carro armato. Lei è pronta per attaccare la Russia….

Ignorando che la Russia non minaccia nessuno, che difenda la pace e la stabilità, che la sua agenda geopolitica risulta pienamente conforme al diritto internazionale, Truss ha minacciato “gravi conseguenze” se Mosca dovesse invadere l’Ucraina, senza sapere che tale intenzione del Cremlino non esiste, né contro l’Ucraina nè contro altre nazioni.

Un anonimo alto funzionario del regime di Biden ha affermato che i ministri del G7 (asserviti agli interessi degli Stati Uniti) sono uniti sulla “estrema preoccupazione (sic)” per la minaccia della Russia all’Ucraina: è una minaccia inventata, non reale.

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha affermato che le nazioni del G7 vogliono che “la Russia (a) capisca che tutto ciò che potrebbe rappresentare un attacco all’Ucraina avrebbe un prezzo elevato (sic).”

I regimi al potere del G7 sanno che le uniche minacce esterne affrontate dall’Ucraina colonizzata dagli USA sono inventate.

Loro devono mantenere una guerra fredda sempre più pericolosa contro la Russia che rischia di diventare bollente se le cose vengono spinte troppo oltre.

Più tardi questa settimana, Karen Donfried, assistente segretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici del regime di Biden, visiterà lo stato vassallo degli Stati Uniti, l’ Ucraina e poi sarà a Mosca, quindi a Bruxelles per continuare la guerra degli Stati Uniti contro la Russia con altri mezzi.

Anche gli attacchi alla Cina e all’Iran erano all’ordine del giorno nella riunione del G7.

Truss ha richiamato bellicosamente “all’unità” contro gli “aggressori” inventati, ignorando che i regimi occidentali dominati dagli Stati Uniti sono quelli reali.

Ha definito i colloqui del JCPOA di Vienna “l’ultima possibilità per l’Iran di aderire” all’accordo storico che non ha mai abbandonato, dimenticando che questo è stato abbandonato solo dagli egemoni USA e gli stati vassalli dell’E3 Gran Bretagna, Francia e Germania.

La Truss si è scagliata contro l’inesistente flessione dei muscoli cinesi nell’Indo/Pacifico — il modo propagandistico con cui l’egemonia NATO dominata dagli USA opera in tutto il mondo.

Secondo la realtà reinventata dal portavoce di Blinken Price, i ministri del G7 “hanno espresso preoccupazione per l’aggressione (inesistente) della Russia contro l’Ucraina e hanno ribadito il (falso) sostegno a una risoluzione pacifica delle questioni che attraversano lo stretto di Taiwan (sic).”

In risposta a una guerra di parole senza fine da parte degli egemoni USA e degli stati vassalli complici del G7, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha sfatato le loro Grandi Bugie come molte volte prima.

Venerdì, la portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chuying ha dichiarato: “(siamo estremamente insoddisfatti della pratica del Giappone e del G7 (per) danneggiare gli interessi di altri paesi (e) stimolare le tensioni regionali”.

A margine dei colloqui del G7, il ministro degli esteri tedesco Annalena Baerbock ha falsamente accusato l’Iran di aver bloccato i colloqui JCPOA a Vienna.

“Il tempo sta finendo”, ha esclamato. “E non abbiamo fatto alcun progresso (sic).”

Sabato, il viceministro degli Esteri/capo negoziatore iraniano sui colloqui di Vienna, Ali Bagheri Kani, ha sottolineato quanto segue:

“Saremo sicuramente d’accordo su niente di meno che il ritiro delle sanzioni (ciò che è richiesto dalla SC Res. 2231), e questa sarà sicuramente una linea rossa per la Repubblica islamica dell’Iran”, aggiungendo:

“Durante i negoziati (ripresi il ​​29 novembre), abbiamo espresso i nostri punti di vista su varie questioni, tra cui la rimozione di sanzioni (tutte imposte illegalmente), sulle misure nucleari, sulle verifiche, sulle garanzie e altre questioni”.

Il regime di Biden (e Trump) e gli stati vassalli dell’E3 hanno ucciso l’accordo storico e vogliono che questo rimanga morto.

Uno stato di guerra della NATO guidata dagli Stati Uniti non dichiarata con altri mezzi contro Russia, Cina, Iran e altri paesi indipendenti rischia di diventare rovente in una o più parti del mondo perché l’asylum di Washington è gestito da questi personaggi.

Stephen Lendman

Traduzione: Luciano Lago

Lascia una risposta