EUROPANAZIONE

KULTURA

ELEMENTS. L’IDEOLOGIA PROGRESSISTA E IL MITO DEL PRIVILEGIO DEI BIANCHI. LA DECOSTRUZIONE DI UNA FINZIONE VISTA DA GEORGES GUISCARD

L’intellettuale francese a questo tema ha dedicato “White Privilege. Chi vuole fare fuori gli europei?”

FONTE: https://www.barbadillo.it/101370-elements-lideologia-progressista-e-il-mito-del-privilegio-dei-bianchi-la-decostruzione-di-una-finzione-vista-da-georges-guiscard/

Chi aveva sentito parlare di privilegio bianco prima che il movimento Black Lives Matter, in seguito alla morte di George Floyd nel 2020, gli desse un’audience internazionale? Non molti, in realtà. Un morto dopo (e centinaia di proteste), tutti ne parlano e parlano solo di questo. Come siamo arrivati qui? Questo è il tema del libro di Georges Guiscard: “White Privilege. Chi vuole fare fuori gli europei?”, pubblicato dalla Nouvelle Librairie con il patrocinio dell’Istituto Iliade. Un’indagine approfondita, la prima del suo genere, che arriva al momento giusto.

ÉLEMENTS: Non si è mai parlato così tanto di privilegio bianco. Eppure sappiamo poco della sua genealogia e della sua natura. Chi sono i suoi pensatori, attivisti, sostenitori, utili idioti?

GEORGES GUISCARD: Il primo ad utilizzare l’espressione fu l’attivista comunista americano Theodore W. Allen. In un libro pubblicato nel 1975, egli sostenne che il concetto di razza bianca era un’”invenzione” il cui scopo era quello di dividere i lavoratori delle piantagioni coloniali: un senso di “privilegio bianco” avrebbe creato una gerarchia.

Nel 1988, la femminista antirazzista Peggy McIntosh rese l’espressione popolare nel suo saggio “White Privilege: Unpacking the Invisible Knapsack“. In esso, ella elencò una serie di vantaggi associati alla sua pelle bianca, invisibili a coloro che ne beneficiano – Allen parlava già del “punto cieco bianco” -, come il colore dei bendaggi che ci ricordano che la norma, in Occidente, è di avere la pelle bianca.

McIntosh spiegava che lei pensava ingenuamente che “il razzismo potesse esistere solo attraverso atti individuali di cattiveria” prima di rendersi conto che il razzismo è in realtà un “sistema invisibile” di cui si gode “fin dalla nascita”. Questa è l’idea centrale di tale teoria: l’intero Occidente è stato costruito sul razzismo a beneficio dei bianchi, attraverso la schiavitù in America e la colonizzazione in Europa. Questo razzismo, consustanziale alle nostre società, è presente ovunque, anche se spesso diffuso, prendendo la forma di una discriminazione sistematica che svantaggia permanentemente i non bianchi.

Al di là di questi due pionieri, il concetto di privilegio bianco è radicato in assiomi tipicamente marxisti delle relazioni tra dominanti e dominati, alimentati dalla teoria critica della Scuola di Francoforte e dai postmodernisti della French Theory. Questi intellettuali hanno sviluppato il quadro di riferimento, quello delle “strutture di oppressione” che si dice costituiscano le nostre società. L’espressione attuale di queste idee, una conseguenza delle nostre società multirazziali, è la “teoria critica della razza” in cui i bianchi sono schematicamente sostituiti alla borghesia e i non-bianchi al proletariato.

In questa corrente più specifica, troviamo in particolare Kimberlé Crenshaw, una femminista afroamericana che ha teorizzato l’intersezionalità – cioè l’accumulo di discriminazioni – per ricordare alle femministe bianche che restano privilegiate. Più recentemente, sono emerse figure come Ibrahim X. Kendi o Robin DiAngelo, l’autore di White fragility, la cui premessa è che una persona bianca che non accetta di essere chiamata razzista dimostra così il suo razzismo. Quest’ultimo esempio illustra una delle caratteristiche del concetto di privilegio bianco, che consiste solo di ragionamento circolare e bias di conferma.

Gli attivisti appartengono per lo più a una minoranza razziale e spesso provengono da minoranze. Da un lato, i convinti, i politici, i decoloniali motivati da una forma di risentimento, che mescola odio, gelosia e cultura del pretesto. Rohkaya Diallo e Houria Bouteldja sono, in Francia, abbastanza rappresentativi di questo fenomeno. Accanto a loro ci sono persone più ciniche, che usano queste idee per fini più personali: notorietà, denaro… Pensiamo ad Assa Traoré, la cui posizione di vittima funziona come uno status sociale che le dà accesso alla prima pagina del Time e a un paio di Louboutin, ma anche, più in generale, a qualsiasi afro-magrebino che griderà rapidamente al razzismo per ottenere un vantaggio su un avversario o attirare simpatia.

I sostenitori sono più bianchi. Woke capitalism, che gioca sui codici del privilegio bianco ma anche sui temi della lobby LGBT per motivazioni sia ideologiche che commerciali. L’alta borghesia che cerca di segnalare la sua virtù morale, come Emmanuel Macron che assicura alle colonne de L’Express che “essere un bianco può essere vissuto come un privilegio”. E, naturalmente, la coorte di sociologi stipendiati – come Éric Fassin -, artisti e giornalisti che predicano la buona parola dell’ideologia dominante.

Quanto agli utili idioti, sono tutti i bianchi woke, “svegli”, che acconsentono al loro esproprio in nome di un antirazzismo etnomasochista. Sono convinti che la “bianchezza” sia una piaga da estirpare, anche se ciò significa la loro contrizione e la loro sottomissione finale. Questa è una forma di neoprotestantesimo, un’idea che sviluppo nel libro.

ÉLEMENTS: La nozione di privilegio bianco ha trovato un forte alleato in Joe Biden. Come si spiega il raduno della borghesia progressista attorno a questa tesi? Potrebbe essere perché la sinistra Terra Nova US – i democratici – ha trovato una maggioranza elettorale composita basata sulle minoranze (ma non la sinistra francese)?

GEORGES GUISCARD: Joe Biden, che a giugno ha parlato del razzismo sistemico come di una “macchia sull’anima della nazione” – un vocabolario che si riferisce al neoprotestantesimo di cui ho parlato – è davvero emblematico. Biden è stato scelto dal Partito Democratico perché incarnava una forma di equilibrio che sembrava tatticamente appropriata. È sempre stato considerato un moderato e un centrista, il che rassicura gli elettori di destra che sono resistenti allo stile tumultuoso di Trump.

Biden, tuttavia, è stato veloce a impegnarsi per la sinistra woke, ammettendo il proprio privilegio bianco e persino inginocchiandosi davanti ai manifestanti di Black Lives Matter. Qui c’è un misto di strategia politica e ideologia. In primo luogo, è una strategia che il giornalista americano Steve Sailer ha chiamato la “coalizione dei margini”. Si tratta di unire tutte le minoranze – non bianchi, LGBT, musulmani… – così come le donne, che sono tenute in un sentimento di inferiorità o di svantaggio strutturale e patriarcale-razzista, contro un comune avversario oppressore: l’uomo bianco eterosessuale e cristiano. Secondo Sailer, questo approccio ha portato all’elezione di Obama nel 2008.

In Francia, la strategia “Terra Nova” che lei cita segue questo modello. L’abbandono delle classi lavoratrici per la coalizione dei margini è esplicito nel “Contributo n. 1” del think tank al programma del PS nel 2012, che afferma che, tra gli immigrati francesi e i loro figli, “l’equilibrio di potere destra-sinistra è estremo, dell’ordine di 80-20 o addirittura 90-10”. Il vantaggio di questo approccio elettorale è che la quota di minoranze nella popolazione può aumentare solo attraverso il gioco demografico, uno spostamento che si accentua quando la sinistra va al potere.

Ma questo non è solo un freddo piano per prendere il potere: l’ideologia gioca un ruolo importante in questo cambiamento. Sono sempre le minoranze fanatiche e intolleranti che riescono a vincere, perché rifiutano il compromesso. Sono capaci di più violenza, più intransigenza. Questo è molto visibile con il wokismo, che è sempre più esigente, pronto a scomunicare i codardi che dubitano. Più dinamiche, più convinte, queste avanguardie trascinano gli altri con loro… o li epurano, come possiamo vedere con la cultura dell’annullamento che colpisce prontamente gli ex alleati.

L’evoluzione di Mélenchon illustra perfettamente questo meccanismo, questa “spirale della purezza” analizzata dai sociologi Bradley Campbell e Jason Manning nel loro libro The Rise of Victimhood culture. Vecchio comunista laico che difendeva “l’idea che abbiamo il diritto di non amare l’Islam” nel 2015, Mélenchon marciava quattro anni dopo “contro l’islamofobia” con gli islamisti della CCIF. Era come catturato dalla sua giovane guardia radicale e woke, tra cui Danièle Obono. In sua difesa, Mélenchon si rifiuta ancora di parlare di privilegio bianco. Finirà, come Biden, a mettere il dito nell’ingranaggio come strategia per finire quasi più radicale di quelli che vuole sedurre?

ÉLEMENTS: Non c’è un’ironia nella ricomparsa della “repressione razziale” a sinistra, che in precedenza aveva severamente perseguito tutte le sue manifestazioni?

GEORGES GUISCARD: La sinistra è in una perpetua fuga in avanti; se non va avanti, cade. Questo è il problema fondamentale delle ideologie di sinistra che vogliono applicare un ideale alla realtà, l’astratto al concreto. Questo è ciò per cui sono conosciuti, il rifiuto della legge naturale e dell’osservazione dei fatti in favore di teorie che devono assolutamente essere provate. Siccome questo non funziona mai, bisogna trovare una spiegazione che sia sistematicamente che è necessario andare oltre, nello stesso modo in cui il fallimento del comunismo è stato spiegato dalla mancanza di comunismo.

Passando dalla vecchia opposizione borghesia/proletariato a un’analisi più ampia dominante/dominato, la sinistra ha aperto il vaso di Pandora delle società multirazziali. Naturalmente c’è una “norma bianca” nei paesi della civiltà europea: le nostre società sono a nostra immagine, è un’eredità, un patrimonio costruito dai nostri antenati che ci assomigliavano. E naturalmente, i non europei non si adatteranno mai completamente, non saranno mai in grado di integrarsi perfettamente.

Ci saranno sempre alcuni che saranno in grado di assimilare e vivere con questo fatto. Ma questo non sarà mai il caso della grande maggioranza. Il concetto di privilegio bianco è in gran parte un’espressione del malessere delle società multirazziali e deboli, dove le minoranze sentono di poter sostituire i nativi. Non si parla di privilegi Han in Cina…

Giocando la carta dell’immigrato, la sinistra si è chiusa in una lettura razziale che vediamo oggi perfettamente assunta da Sandrine Rousseau per esempio. Personalmente, lo trovo molto buono perché questo cambio di paradigma suona la campana a morto per l’universalismo, l’umanesimo e l’assimilazionismo, che erano tutte chimere. Quando dico che si può riconoscere un’ideologia di sinistra dal suo desiderio di imporre un’astrazione alla realtà, includo naturalmente l’universalismo, che si basa su una visione astratta dell’uomo. È piacevole e ironico, infatti, vedere la sinistra così superata dal mostro che ha creato. Ma è triste vedere la destra conservatrice aggrapparsi alla moda del modello universalista mentre prende piede un clima pre-genocida in cui i bianchi sono colpevoli di tutti i mali. Identificandoci come bianchi, i nostri avversari ci rimandano alla nostra natura, al nostro substrato etnico primario, la cui cultura, benché essenziale, non rimane mai che una fragile emanazione. I conservatori devono capire che, per dirla con Freund, “è il nemico che ti indica”.

François Bousquet

  1. Anton

    Due cose:

    1) « […] La sinistra è in una perpetua fuga in avanti; se non va avanti, cade. Questo è il problema fondamentale delle ideologie di sinistra che vogliono applicare un ideale alla realtà, l’astratto al concreto […] il rifiuto della legge naturale e dell’osservazione dei fatti in favore di teorie che devono assolutamente essere provate […] »

    Da incorniciare. E da imparare a memoria.

    2) « […] Naturalmente c’è una “norma bianca” nei paesi della civiltà europea: le nostre società sono a nostra immagine, è un’eredità, un patrimonio costruito dai nostri antenati che ci assomigliavano […] »

    In questo caso, invece, rimango perplesso. Il primo punto critico: “le nostre società sono a nostra immagine”. Se questo è vero, beh, non c’è da andarne fieri: le nostre società europee, allo stato attuale delle cose, fanno letteralmente schifo. Mi si perdoni la franchezza del linguaggio. Io non sono mica tanto convinto del fatto che i nostri antenati (???) ci assomigliassero…

    A cosa ci si riferisce, poi, quando si parla di “patrimonio costruito dai nostri antenati”? Quale patrimonio? Di che tipo? Patrimonio architettonico, infrastrutturale? Patrimonio inteso in termini monetari? Tutto qui sarebbe questo nostro famoso patrimonio europeo da difendere con le unghie e coi denti dal famelico assalto straniero? O forse c’è (anche) molto-ma-molto di più? La ritengo una questione da chiarire.

    « […] E naturalmente, i non europei non si adatteranno mai completamente, non saranno mai in grado di integrarsi perfettamente […] »

    Come si dice a Roma: “e te credo… !”.
    Perché mai dovrebbero adattarsi a una società svirilizzata, sottomessa, pervertita, ladra e imbrogliona? Non mi sento integrato io in una società come questa – io che sono nato e cresciuto in Europa – figuriamoci loro, intendo, quella parte di non-europei sana, cresciuta in contesti completamente differenti!

    « […. ] Ci saranno sempre alcuni che saranno in grado di assimilare e vivere con questo fatto. Ma questo non sarà mai il caso della grande maggioranza […] »

    Beh, che dire: lo spero, altrimenti, nulla cambierà mai…

    Ho già accennato, in un mio precedente commento, al fatto che, forse, siccome questa invasione è ormai inarrestabile per vari motivi che ora non vado a rielencare, sarebbe bene iniziare ad allearsi con un certa tipologia di stranieri che giungono in Europa, cioè, quella tipologia di stranieri cresciuti in un contesto di vita derivante da quella tradizionale. Sono loro, che potrebbero, un giorno, contribuire rovesciare la drammatica situazione in cui ci troviamo e aiutare i popoli europei rimasti sani almeno a predisporre il terreno per un graduale ritorno alla normalità. Sono convinto del fatto che noi si possieda tutti gli strumenti culturali, etici e spirituali per poter comunicare con loro; siamo certamente molto più simili a loro piuttosto che ai liberal/progressisti euro-americani moderni. Questo non significa snaturarsi, no, ma allearsi. Per quello insisto sul recupero dei princìpi della ns. Tradizione.

    P.S.:
    Ho ascoltato la puntata di ieri 24/10, di “Sagittarius” (titolo: “Segreto occulto”): secondo me MOLTO IMPORTANTE e azzeccata. Da riascoltare attentamente e da meditare.

Lascia una risposta