EUROPANAZIONE

POLITICA

L’ARTE DEL POTERE IN EUROPA: RITRATTO DI MARIO DRAGHI

Dalla scuola dai gesuiti ai più alti livelli della burocrazia nazionale ed europea, la traiettoria di Mario Draghi è quella di un uomo che ha compreso il funzionamento delle regole dell’Europa del XXI secolo per usarle a proprio vantaggio. In questo ritratto particolarmente vivido, Ben Judah ricostruisce la serie di scommesse che hanno portato Draghi fino alla Presidenza del Consiglio.

FONTE: https://legrandcontinent.eu/it/2021/05/16/larte-del-potere-in-europa-ritratto-di-mario-draghi/

Se c’è stata una frase, in Europa nell’ultimo decennio, che ha causato una svolta nella storia, è stata questa. Dopo un preambolo confuso su un calabrone che non dovrebbe essere in grado di volare, Draghi ha smesso di leggere dal suo copione e, per 16 secondi, ha guardato nella telecamera. “All’interno del nostro mandato, all’interno del nostro mandato … la BCE è pronta a fare tutto il necessario, whatever it takes, per preservare l’euro”. Ha fatto una pausa, aggiungendo, giusto per essere sicuro: “E credetemi, sarà sufficiente”. In pochi secondi, la notizia ha raggiunto i media di tutto il mondo; i miliardi che scommettevano contro l’euro hanno cominciato a muoversi nella direzione opposta.

Mario Draghi è ora il primo ministro italiano. L’uomo che ha “salvato l’euro” è stato richiamato dalla pensione per “salvare l’Italia” dalla pandemia. C’è un’Europa dello spirito: di Beethoven, delle vacanze estive e dell’odore del caffè. E poi c’è l’Europa come funziona effettivamente oggi – l’Europa di Mario Draghi. Una creatura dell’UE, capite lui e capite come crearsi degli amici a Bruxelles; come vincere le battaglie più importanti; e come essere, tra 27 paesi, davvero europei. Ma, soprattutto, capite Draghi e capirete come funziona il potere nella UE. Ha costruito un’Europa tecnocratica ed è asceso ai suoi vertici. 

Draghi si è fatto a Roma. Non la città da vecchi che è oggi, ma la Roma di Fellini, degli attentati delle Brigate Rosse e del miracolo italiano: un mercato emergente in Europa, in cui le tensioni erano elevate con le agitazioni del mondo del lavoro, l’ascesa del partito comunista e le gioie della gioventù. Ma mentre la sua generazione era ribelle, flirtava con l’estremismo e sognava nuovi mondi nei campus, Draghi era mansueto e gravato dalla responsabilità. Un outsider nel maggio del ’68.

C’è un’Europa dello spirito: di Beethoven, delle vacanze estive e dell’odore del caffè. E poi c’è l’Europa come funziona effettivamente oggi – l’Europa di Mario Draghi.

“Avevo i capelli abbastanza lunghi”, ha raccontato a Die Zeit, “ma non lunghissimi. E, a parte questo, non avevo genitori contro i quali avrei potuto ribellarmi”. Suo padre, il banchiere ben collegato Carlo Draghi, nato nel 1895, era morto quando lui aveva 15 anni. Sua madre entrò in un rapido declino poco dopo. A 16 anni, tornando dalle vacanze, trovò una pila di bollette non pagate ad aspettarlo. A 19 anni Draghi era orfano.

Gli amici ricordano come un’apparenza esterna posata nascondesse una vera angoscia. Maurizio Franzini, un economista, una volta divideva l’ufficio con lui: “Diceva: ‘Non sembro ansioso. Ma sono davvero ansioso’”. Al momento di scegliere l’università, ossessionato dalle discussioni con suo padre e da uno dei suoi primi ricordi, un viaggio in treno con il governatore della Banca d’Italia, Draghi scelse economia alla Sapienza di Roma. Ma è stato il suo periodo scolastico, non la sua università, che quelli che lo conoscono meglio dicono che lo ha reso quello che è.

“È stato ben addestrato dai gesuiti”, ha detto Vincenzo Visco, che ha lavorato a stretto contatto con lui come ministro italiano delle finanze e poi del tesoro. “Gli hanno insegnato ad essere prudente, riservato e ad ascoltare. È un cattolico sociale”. Menzionare i gesuiti ha molteplici significati per gli italiani. È un marcatore di classe che lo lega inesorabilmente al Massimiliano Massimo, l’Eton romana dei gesuiti, dove Draghi ha studiato con i figli di ministri e magnati. È il segno di un’educazione severa e rigorosa per mano di studiosi-sacerdoti; ed è un privilegio. Per gli europei, è spesso un modo per attirare l’attenzione sul suo modo di fare: pedagogico; preciso, ombroso e, se necessario, spietato.

Herman Van Rompuy, l’ex presidente del Consiglio europeo che scriveva haiku, lo trovava divertente. Più di una volta, nelle notti peggiori della crisi dell’euro, osservando un tavolo con Mario Monti e Mariano Rajoy, allora premier italiano e spagnolo, seduti accanto a Draghi, l’ex premier belga scherzava: “Guardaci qui, che buoni studenti gesuiti che siamo, mentre cerchiamo di trovare un compromesso”.

Ma come ogni buona battuta, alludeva a qualcosa di serio: questi uomini usciti da una confraternita segreta fondata per salvare la Chiesa erano ora al servizio dell’Europa. “Forse non sapete”, ha detto Mario Tiberi, un vecchio collega del mondo accademico, “che i gesuiti hanno un mantra del loro fondatore Sant’Ignazio di Loyola sul servire la visione di Dio: todo modo, che in inglese si traduce con ‘whatever it takes‘”.

Mentre un’ondata di omicidi politici seguiva il ’68, Draghi imparava la prima lezione della vita politica: trovare sempre il mentore giusto. Il suo nome: Federico Caffè. In mezzo al clamore viveva, dicevano i suoi studenti, “come un monaco”. Caffè fu influente: il grande economista keynesiano italiano. Convinto che Draghi fosse brillante, lo presentò a Franco Modigliani, l’economista italiano del MIT, che lo accettò come studente. Ma doveva ancora completare la sua tesi. “Era sulla moneta unica e conclusi che la moneta unica era una follia, una cosa assolutamente da non fare”, ha detto Draghi, in un evento in onore del suo mentore. 

Mentre un’ondata di omicidi politici seguiva il ’68, Draghi imparava la prima lezione della vita politica: trovare sempre il mentore giusto. Il suo nome: Federico Caffè.

Coloro che avrebbero plasmato il discorso economico dell’epoca hanno insegnato a Draghi al MIT. Sottolinea con orgoglio che cinque dei suoi professori hanno vinto il premio Nobel – Paul Samuelson, Bob Solow, Franco Modigliani, Peter Diamond e Robert Engle. I suoi pari – Ben Bernanke, Paul Krugman, Kenneth Rogoff, Olivier Blanchard – sarebbero diventati rispettivamente i gran sacerdoti della Federal Reserve, del New York Times, dell’austerità e del FMI. Mentre il nuovo mondo dei tassi di cambio fluttuanti, del capitale che scorre liberamente e dei banchieri centrali autorizzati cominciava ad emergere, un cerchio di economisti si stava coalizzando. Insieme hanno dato forma all’era neoliberale.

Draghi non era alla ricerca di dogmi. A differenza dei suoi mentori, l’economia di Draghi non si è mai fissata in una teoria, ma ha continuato a muoversi, sempre un punto a sinistra rispetto a dove si trova il centro. Per lui si tratta di pragmatismo. A quarant’anni aveva già deluso la sinistra di Caffè. Draghi era ormai un direttore della Banca Mondiale. Nell’aprile 1987, sopraffatto dal dolore che il neoliberismo avesse trionfato sulla sinistra in economia, i suoi discepoli morti o in dissolvenza, Caffè, il grande keynesiano, scomparve. Non fu mai più visto. Alcuni dicono che si sia suicidato; altri che si sia trasferito in un monastero sulle Alpi, per nascondersi dal mondo che vedeva arrivare. 

Nel febbraio 1992, Draghi è nella stanza di Maastricht quando nasce l’euro: un consigliere chiave del primo ministro italiano, Giulio Andreotti, quando firma il trattato. Ha lasciato da tempo Caffè, la sinistra e le sue tesi. L’umore è euforico; la popolarità e il successo della nuova moneta unica dell’Unione Europea travolgerà tutto davanti a sé. Tanto che alla conferenza stampa, Helmut Kohl scommette sei bottiglie di vino tedesco che la Gran Bretagna aderirà al progetto entro il 1997. “Il governo fa sempre quello che vuole la City”, sbotta. “La City farà in modo che la Gran Bretagna entri nell’Unione monetaria”.

I britannici sono partiti con un “opt-out“; gli italiani con condizioni così dure che i tedeschi si sono sorpresi di averle accettate. Il secondo mentore di Draghi, Modigliani, era indignato. La decisione di firmare fu di Draghi: era uno dei due italiani con l’autorità finale sulla valutazione dei termini. Aveva consigliato al primo ministro di procedere con quella che nella sua tesi chiamava “follia”: un’unione monetaria senza un’unione politica ed economica. Perché? La risposta: la sua teoria neoliberista della politica italiana.

Mezzogiorno a Roma. Negli anni ’90. Una città di politica, vicoli e corridoi. Le campane suonano al Senato. I lavori si aggiornano a Palazzo Montecitorio. Gli avvocati si disperdono. I giornalisti urlano domande. Tutto il torrente di attività sembra riversarsi all’esterno e invadere le strade intorno a Piazza Navona. Le trattative continuano sotto gli ombrelloni della gelateria Giolitti. I funzionari incontrano i ministri all’Hotel Forum. Questo è l’habitat naturale di Draghi. A capo del Tesoro dal 1991, è qui che il funzionario quarantenne ha fatto tutto il necessario per entrare nella moneta unica: regolare le banche italiane, gestire il debito e privatizzare oltre 100 miliardi di euro. Draghi era più che indispensabile. Ha costruito il neoliberismo italiano.

Non c’era scuola migliore di Roma per la politica dell’euro: era già un gioco per politici deboli e tecnocrati potenti. Un quadro astratto italiano era appeso sopra la sua scrivania al Palazzo delle Finanze. Fuori, la “prima Repubblica” stava cadendo a pezzi. Esposti come un pasticcio clientelare di connessioni mafiose e tangenti, tutti e quattro i partiti del governo dimissionario del 1992 sarebbero scomparsi.

A tenere insieme il paese era la burocrazia più forte che l’Italia avesse: i tecnici finanziari della pubblica amministrazione sotto il primo primo ministro tecnocratico del paese, Carlo Azeglio Ciampi. Draghi era nel suo elemento. Il capitalismo, credeva, aveva delle regole. Finché i politici si fossero tolti di mezzo e i tecnocrati avessero impostato la giusta struttura, sarebbe seguita una crescita stabile. Questa era la filosofia del MIT. In tutti i continenti, i suoi ex compagni di studi erano sempre più in ascesa. Come economisti credevano nell’intervento: aiutare a far funzionare il mercato.

Draghi era più che indispensabile. Ha costruito il neoliberismo italiano.

Questo era il motivo per cui l’Euro era imperativo. Il capitalismo poteva fornire le regole – e la struttura – che mancavano all’Italia. I politici ora sarebbero stati limitati nella politica macroeconomica. L’adesione a una moneta unica avrebbe messo le leve fondamentali della macroeconomia – le politiche fiscali e monetarie chiave – al di là della politica interna. Questa strategia era nota come il vincolo esterno.

L’Italia stava andando così bene. La sua economia era più grande di quella della Gran Bretagna; gli standard di vita si stavano avvicinando a quelli della Germania. I primi anni novanta erano il momento dell’Italia: il vino toscano soppiantava quello francese negli Stati Uniti. Gucci e Prada stavano conquistando il mondo. I magnati non volevano rischiare. Volevano un aiuto. Nel 1992, il giovane Draghi aveva catturato l’attenzione di uno degli uomini più ricchi d’Italia, Carlo De Benedetti, allora proprietario di La Repubblica, L’Espresso e una serie di giornali regionali. Si incontravano spesso e discutevano dell’Euro. “Se l’Italia non avesse fatto parte dell’Eurozona, sarebbe stata come l’Egitto o il Nord Africa”, ha ricordato De Benedetti. Questo è ciò che le élite temevano negli anni ’90: senza un vincolo esterno, un ritorno agli anni ’70. 

Ma De Benedetti ha capito presto che Draghi era una sfinge. Segreto. Astuto. Non lasciava mai trapelare niente niente. Ma cosa voleva da lui? “Una volta gliel’ho chiesto: Io traggo beneficio dalle nostre conversazioni. Ma tu cosa ne ricavi?”. Draghi sorrise: “Disse che gli piaceva parlare con qualcuno della vita reale”. De Benedetti aveva fatto bene a chiederlo. Perché Roma aveva già dato a Draghi lezioni importanti. Mai far sapere a nessuno quello che si pensa, a meno che non si sia costretti a farlo. E sempre, sempre farsi gli amici giusti: tra i media e i magnati. Un giorno avrai bisogno dei loro favori. 

Il tocco politico di Draghi non era passato inosservato. In parlamento, era spesso chiamato “Mr. Britannia”, a causa dei suoi frequenti incontri con i banchieri di Londra. Salvatore Biasco, allora un legislatore di sinistra, dalla sua commissione guardava Draghi arrivare lentamente a quella che sarebbe stata la sua più grande realizzazione: si può esercitare il maggior potere come tecnocrate. “Si comportava come un ministro del Tesoro e non come un funzionario”, ha ricordato Biasco. “Era una specie di ministro del Tesoro ombra”. Fu qui, da politico non eletto, che affinò la Draghipolitik tecnocratica che avrebbe plasmato l’Europa. 

Tutte le storie sul denaro europeo finiscono a Londra. Nel 2002, Draghi divenne vicepresidente di Goldman Sachs International. Gli amici, i seminari, i magnati: tutto aveva dato i suoi frutti. E così, a quanto pare, anche la sua strategia. Un populista, Silvio Berlusconi, era diventato di nuovo primo ministro nel 2001. Ma allora? Era ingabbiato dal vincolo esterno: le sue mani erano tenute lontane dalle vere leve del potere. I tecnici finanziari di Roma erano rilassati. L’Italia non era stata dissoluta: aveva accumulato un grande debito nazionale negli anni ’80 a causa degli alti interessi che aveva imposto in gran parte per abbassare l’inflazione e tenere il passo con il sistema monetario europeo che aveva preceduto l’euro. L’imminente boom lo avrebbe sicuramente eroso.

La generazione di Draghi credeva di aver fatto tutto bene. Poi è arrivato il 2008. La crisi finanziaria ha rivelato che questi tecnici avevano fatto un terribile errore. Avevano rotto un sistema che ora avrebbero passato il resto della loro carriera a cercare di riparare. 

La generazione di Draghi credeva di aver fatto tutto bene. Poi è arrivato il 2008. La crisi finanziaria ha rivelato che questi tecnici avevano fatto un terribile errore. Avevano rotto un sistema che ora avrebbero passato il resto della loro carriera a cercare di riparare. 

Questo avrebbe trasformato i banchieri centrali da tecnici regolatori del capitalismo in gestori politici di crisi che lo guidavano – e così facendo avrebbero riordinato per sempre il potere nell’UE. 

Una fortuna sfacciata avrebbe dato a Draghi la possibilità di unirsi a questi nuovi supermen. Prima uno scandalo di corruzione ha aperto un posto vacante come governatore della Banca d’Italia. Poi, rifiutando di accettare una politica monetaria non ortodossa della BCE per combattere la crisi, il capo della Bundesbank, da tempo atteso come successore del francese Jean-Claude Trichet, si è dimesso. Con Berlino ora senza un candidato, il posto alla BCE si è aperto per un altro banchiere centrale di un grande stato.

La gestione dei media ha assicurato che Draghi lo ottenesse nel giugno 2011. I media tedeschi odiavano l’idea di un italiano nell’Eurotower. Angela Merkel esitava. De Benedetti ricevette una telefonata: il conto dei pranzi insieme era finalmente arrivato. Il normalmente soave Mario, disse, era isterico. “Era diventato matto”, ricordava De Benedetti. La Bild aveva pubblicato una storia di copertina sull’Italia. “Mamma mia”, si leggeva. “Per gli italiani l’inflazione è uno stile di vita, come la salsa di pomodoro con gli spaghetti”. “Mi ha chiamato e mi ha detto: “Cosa puoi fare per me?”” ricorda De Benedetti, “era preoccupato che questo danneggiasse la sua immagine”. Fu organizzato un incontro con il proprietario del tabloid. Seguì un ritratto raggiante con una prima pagina di Draghi che accetta un elmetto chiodato prussiano dalla Bild. “Mario è sempre stato molto riconoscente”, ha detto De Benedetti. Coltivare la sua immagine tecnocratica è stato fin dall’inizio il cuore della Draghipolitik.

Draghi si è approcciato al lavoro di vertice in modo politico. Ancora una volta è stato fortunato. Jean-Claude Trichet aveva concluso il suo mandato così male che qualsiasi successore avrebbe fatto bella figura al confronto. Per dirla con le parole dello storico Adam Tooze: “Lasciando l’incarico, Trichet, appoggiando i governi in favore dell’austerità solo sul mercato, aveva aiutato Berlino a inserire l’austerità nel cuore del circuito dell’UE”. È stata cattiva economia: questo ha portato alla depressione dei consumi prolungando la recessione. Ma Draghi sarebbe andato oltre. Nell’agosto 2011, firmò una lettera segreta al governo italiano: una nota in favore dell’austerità che sollecitava tagli e riforme del lavoro. Roma era inorridita; Berlino era contenta. Segnalando che Francoforte era pronta a mettere la sua liquidità solo dietro un certo tipo di politica, aprì la porta alla cacciata di Berlusconi. Un governo tecnocratico lo sostituì – che il leader caduto definì un “colpo di stato” dell’UE.

La cerchia di Draghi ha continuato a plasmare il capitalismo: Ben Bernanke guidava la Fed e Stanley Fischer era a capo della Banca d’Israele. A Francoforte, Draghi trattava l’Eurotower come il Tesoro di Roma, vantandosi: “in ogni conferenza stampa da quando sono diventato presidente della BCE, ho concluso la dichiarazione introduttiva con un appello ad accelerare le riforme strutturali in Europa”. I banchieri centrali avevano superato il limite: non erano più tecnocrati, ma politici.

Entrare nella BCE a Francoforte è come mettersi le cuffie antirumore. Tra il vetro blu e gli ascensori, tutto è improvvisamente silenzioso. Ma il suo freddo gelido ha visto alcuni degli incontri più importanti d’Europa. Poco dopo essere diventato banchiere centrale, Maurizio Franzini, un vecchio amico, chiese a Draghi come gestisse l’ansia di un lavoro così importante: “Disse che faceva ancora docce fredde ogni mattina, una tecnica per gestire la tensione che aveva imparato negli Stati Uniti”.

A Francoforte, Draghi avrebbe presto padroneggiato le tre forme del potere europeo: il carismatico – la politica della persuasione – con cui avrebbe rivendicato il potere per la sua banca; il tecnico – la politica delle regole – con cui sarebbe stato l’esecutore dell’UE in Grecia; e l’analitico – la politica dei numeri – con cui avrebbe vinto la battaglia per guidare i flussi di capitale con il quantitative easing. Insieme, questi si sarebbero uniti nella Draghipolitik – con la quale avrebbe spostato il centro di gravità tedesco. La sua sfida era nel disegno stesso che aveva accettato.

François Mitterrand aveva fatto dell’euro il prezzo per l’unificazione. Ha costretto Kohl a tener fede a vaghi impegni per una moneta unica, stava prendendo tempo, minacciando il vice cancelliere Hans-Dietrich Genscher che se non si fosse impegnata, la Germania avrebbe affrontato una “tripla alleanza” di Gran Bretagna, Francia e URSS che l’avrebbe isolata. Retoricamente, i suoi sfoghi erano estremi. “Torneremo al mondo del 1913”, aveva minacciato Bonn. 

La Francia voleva l’euro per limitare il potere tedesco. Mitterrand disse che il marco tedesco era “l’arma nucleare” della Germania. Temeva che se non avesse avuto voce in capitolo sui tassi d’interesse tedeschi, Parigi sarebbe stata costretta per sempre a seguirli. Si sbagliava. Non era la moneta. Era il credito tedesco l’arma nucleare. Concordare una moneta unica senza un Eurobond, un bene sicuro a cui tutti potevano attingere per finanziarsi in tempi di difficoltà, significava che le obbligazioni tedesche diventavano il bene sicuro dell’Eurozona. Berlino aveva ora un veto de facto sulla politica del debito.

L’errore di Mitterrand rafforzò il potere tedesco. Le esportazioni tedesche hanno avuto un boom; la competitività delle esportazioni italiane è diminuita, quelle francesi hanno ristagnato. L’euro aveva reso le merci tedesche più economiche che se fossero state in marchi tedeschi e le merci italiane più costose che se fossero state in lire. Berlino poteva assumere nuovi debiti con poco rischio. Gli altri non sono stati così fortunati. Dopo il 2008, i governi più deboli avevano bisogno che l’Unione comprasse le loro obbligazioni, li salvasse e collettivizzasse il loro debito. Ma Kohl ha accettato l’euro a condizione che non ci fosse un debito collettivo, e che la BCE non finanziasse direttamente i governi. Berlino doveva essere convinta. La politica dell’euro divenne un gioco in cui tutti ballavano intorno alla Merkel cercando di convincerla ad aprire i rubinetti. E in questo gioco, Draghi era il re.

Kohl ha accettato l’euro a condizione che non ci fosse un debito collettivo, e che la BCE non finanziasse direttamente i governi. Berlino doveva essere convinta. La politica dell’euro divenne un gioco in cui tutti ballavano intorno alla Merkel cercando di convincerla ad aprire i rubinetti. E in questo gioco, Draghi era il re.

Il problema dell’Unione europea non è che è un Superstato: è che non è uno Stato. Era apparsa una crisi che aveva una soluzione chiara. Ma non esisteva un’autorità centrale per attuarla. Da Podemos a Syriza, molti politici sono stati eletti per costruire un’Eurozona più giusta. Ma le loro mani erano lontane dalle vere leve del potere. 

È qui che entra in gioco la Draghipolitik: l’arte tecnocratica di far smuovere Berlino. Draghi ha ricevuto un invito permanente al Consiglio europeo da parte del suo Presidente, Van Rompuy: un livello di accesso ai power broker molto superiore rispetto a quello del presidente della Fed o del governatore della Banca d’Inghilterra. Qui ha iniziato a rendere la BCE una vera banca centrale e se stesso un attore di primo piano. In primo luogo, Draghi ha usato il potere carismatico per smuovere la Merkel e i mercati. Secondo Nicolas Véron, uno dei principali ricercatori sulla crisi dell’euro, Draghi ha giocato un ruolo storico come “il capo pedagogo” che ha convinto la Cancelliera ad accettare un’unione bancaria nel 2012. “Questo è dove Draghi eccelleva, ha detto Van Rompuy. “Aveva un grande potere persuasivo: parlava chiaramente, al punto e con un’autorità naturale”. Ha detto alla Merkel: questo è nell’interesse della Germania ed è il minimo indispensabile che tu debba fare. Questa è la forza e i limiti della Draghipolitik. È la politica, che a tutt’oggi, chi era nella stanza all’epoca dice che lo mette estremamente a disagio: esporre i termini confusi dell’”indipendenza” della banca. 

L’Unione Bancaria era solo la credibilità sufficiente per affermare che Berlino era dietro l’Eurozona. Poi l’ha moltiplicata. Vedere Draghi dire “tutto quello che serve” è stato come vedere Hegel che guarda Napoleone a Jena. “È davvero una sensazione meravigliosa”, scrisse Hegel, “vedere un tale individuo, che, concentrato in un solo punto, in sella a un cavallo, si protende sul mondo e lo domina.” 

Ma chi era il cavaliere? Era Draghi? Era la Merkel? O sono stati i mercati? Secondo il filosofo politico Luuk van Middelaar, allora consigliere di Van Rompuy, quei sedici secondi contengono tutto. “Se ascoltate attentamente, prima c’è il tecnocrate. Lui dice: ‘all’interno del nostro mandato’. Poi, c’è il politico, ‘qualunque cosa sia necessaria’. E solo dopo, c’è l’autorità carismatica, ‘e credetemi, sarà sufficiente’. Ed è questo che fa di lui il cavaliere”. Il giorno dopo Hollande e Merkel hanno confermato. Aveva aperto la strada alla BCE per sostenere i mercati del debito sovrano. La sua autorità carismatica aveva convinto i commercianti che dietro l’euro c’era il potere: usando il minimo indispensabile.

Da ministro delle finanze greco, Yanis Varoufakis ha avuto modo di conoscere un’altra delle qualità politiche di Draghi: la spietatezza. Visto da Francoforte, un default greco seguito da un collasso bancario europeo incombeva a meno che Atene non riuscisse a prendere in mano la situazione. Quando Atene ha cercato di far ricadere la colpa sui creditori, mettendo ai voti il piano di salvataggio nel 2015, Draghi ha segnalato che avrebbe interrotto l’assistenza di emergenza alle sue banche. “Il liberi tutti contro di noi è stato guidato da Mario Draghi”, ha ricordato Varoufakis nella sua autobiografia. Era la politica delle regole dell’UE nella sua forma più brutale. Ma punendo gli Stati più scialacquatori dell’UE con salvataggi basati sull’austerità, ha conquistato la fiducia di Berlino per continuare la Draghipolitik. 

Infine, Draghi ha padroneggiato il potere analitico: cioè la politica dei numeri. Nei powerpoint del Consiglio direttivo, Giuseppe Ragusa, ex senior economist della Bce, lo ha visto superare la resistenza della frugale Bundesbank per lanciare il quantitative easing nel 2014. “Il modo in cui è riuscito a convincere la gente a fare quello che ha fatto”, ha detto Ragusa, “è stato spostare il dibattito politico dalla politica ai numeri reali”. 

Questi incontri hanno cambiato nuovamente il capitalismo europeo. I mercati genuinamente liberi, che si erano aperti negli anni ’70 con l’eliminazione dei controlli sui capitali, si chiusero. Il capitalismo diretto arrivò in Europa con la BCE che incentivò i mercati a comprare asset più rischiosi comprando oltre 2,8 trilioni di dollari di asset più sicuri entro il 2018. È stato l’atto estremo di intervento senza ridistribuzione. Draghi era convinto che altrimenti l’euro non sarebbe sopravvissuto alla deflazione e a una terza recessione. Ma i suoi errori avevano peggiorato proprio il problema che stava cercando di risolvere con l’austerità, prolungando il dolore a Sud.

Un sussurratore, un esecutore, un addetto ai numeri. Queste non sono le qualità che ci si aspetta da un grande uomo. Ma questo è fraintendere come funziona l’UE. La sua macchina è stata costruita per depoliticizzare la politica, e quelli che lo fanno meglio, prosperano. Il burocrate senza pretese diventa Napoleone. Attraverso la Merkel, i media e i dati, la Draghipolitik ha sconfitto Jens Weidmann, il capo della Bundesbank. “Draghi considerava Weidmann il suo nemico personale”, ha detto De Benedetti. Si trattava per lo più di una relazione gelida. Ma una volta a cena, racconta l’amico Salvatore Bragantini, la moglie Maria Serenella Cappello si è lasciata sfuggire la cosa:’’Così lei è il nemico di mio marito’, disse, prendendolo alla sprovvista”. 

Mentre la crisi rendeva lo Stato più dipendente dalla finanza, la finanza diventava più dipendente dallo Stato. E uomini come Draghi sono stati centrali in questo. Queste vittorie rivelano un’enorme abilità. Hanno trasformato la BCE in un’istituzione ancora più potente della Banca d’Inghilterra. Ma sottolineano anche quanto la sua generazione abbia sbagliato. Avevano scommesso su una casa costruita a metà per l’Europa come chiave per la stabilità. Ma un’unione monetaria senza un’unione fiscale ha portato instabilità. Avevano scommesso sul fissare regole neoliberali per il capitalismo e fare un passo indietro: ed è saltato tutto. Avevano scommesso sull’austerità: e hanno affrontato una depressione. Questi errori li hanno resi – l’élite dei banchieri centrali del mondo che poi hanno dovuto sistemare tutto – più potenti della maggior parte dei politici. 

Nel suo breve pensionamento dopo il 2019, Draghi ha passato molto del suo tempo al telefono. Ha chiamato presidenti passati o presenti: Bill Clinton, Emmanuel Macron. O gli altri superuomini che hanno guidato le banche centrali nella crisi: Ben Bernanke, ex della Fed; Mark Carney, ex della Banca d’Inghilterra, o Stanley Fischer, che ha guidato la Banca d’Israele. “È l’unico uomo in Italia che può chiamare chiunque nel mondo”, ha detto De Benedetti. Ha costruito la sua carriera attraverso le reti. E la sua ricchezza: la casa a Roma, una in Umbria, una sulla costa laziale e una nuova villa in Veneto.

Per tutta la vita, le scommesse personali e politiche di Draghi hanno pagato. Ma allo stesso tempo, la sua più grande scommessa, quella che aveva promesso all’Italia – il vincolo esterno – è fallita. Ha fallito la componente geopolitica: non ha aiutato a gestire la potenza tedesca. Ha fallito la componente economica: l’Italia ha mantenuto uno dei regimi fiscali più duri d’Europa, con un avanzo primario quasi ogni anno dal 1995. Eppure il paese è diventato più povera. Nel 2000, il suo tenore di vita medio era il 98,6% di quello della Germania. Oggi, il reddito pro capite italiano è del 20 per cento inferiore a quello d’oltralpe. Queste sono le conseguenze a lungo termine dell’austerità, delle riforme interrotte e dell’euro che rende le esportazioni non competitive. Il debito che l’Italia ha accumulato negli anni ’80 è diventato il suo albatros. La crescita promessa da Draghi non è mai arrivata. 

Per tutta la vita, le scommesse personali e politiche di Draghi hanno pagato. Ma allo stesso tempo, la sua più grande scommessa, quella che aveva promesso l’Italia – il vincolo esterno – è fallita.

E nel suo stesso successo, anche la politica ha fallito. I politici populisti e le coalizioni che flirtano con l’euroexit non sono riusciti a sfuggire all’ordine di Draghi. Ma l’Italia è stata intrappolata in un ciclo di populisti sempre più deboli, punteggiato da deboli tecnocrati. Entrambi hanno fallito alle loro condizioni. Con le ricette per far ripartire la crescita fuori dalle loro mani, i politici a Roma si impadroniscono della politica dell’identità, non delle riforme. La crescita è soffocata. Il governo è debole. Ciò di cui l’Italia aveva bisogno erano dei leader forti, dopo tutto. 

L’Italia è passata dal paese delle Brigate Rosse a un paese per vecchi. L’industria italiana, il calcio italiano e il cinema italiano sono in declino. Una generazione intera di italiani ambiziosi è tornata ad emigrare. Nel 2010, il programma televisivo di culto Boris ha catturato l’umore amaro: “Questo è il futuro dell’Italia”, dice un regista in una battuta ormai iconica. “Un paese di musichette, mentre fuori c’è la morte”. 

All’inizio della pandemia la stessa storia ha ripreso ad accadere. Ma questa volta, Macron ha convinto la Merkel a fare un passo indietro rispetto alle sue linee rosse più profonde – la condivisione del debito dell’UE. La Germania ha acconsentito a una decisione eccezionale di 750 miliardi di euro di prestiti Covid e sovvenzioni per la ripresa. In modo significativo, il successo di Macron è arrivato solo quando ha smesso di essere più simile al greco Yanis Varoufakis, con discorsi alla Sorbona che enfatizzavano il suo mandato, e ha abbracciato la Draghipolitik per smuovere Berlino. È stata una svolta decisiva nelle manovre contro l’Europa frugale che Draghi aveva iniziato. 

Ma l’Italia non è solo un paese per vecchi: è il paese, sembra, per sempre gli stessi uomini. Ancora un’ultima volta, è stato pronto quando un altro uomo ha sbagliato. “Da quando ha lasciato la BCE, il fantasma di Draghi aleggiava sull’Italia”, ha detto una fonte. “È stato dopo la questione del Piano di ripresa che si è interessato a un ritorno in politica”. 

Telefonate al presidente; telefonate a Renzi; telefonate a Berlusconi; quando il governo di Giuseppe Conte è imploso, Draghi ha avuto un’idea. Sarebbe stato un primo ministro tecnocratico: ma con una svolta – un gabinetto prevalentemente politico che coinvolgeva tutti i partiti tranne la destra più estrema. Si offriva come soluzione al problema che il vincolo esterno aveva alimentato: politici deboli e incapaci di guidare il paese. Erano felici di usarlo. 

“La verità”, ha detto lo storico Marcel Gauchet, “è che gli europei non sanno cosa hanno costruito”. Questo è ciò che le fatiche di Draghi rivelano. Come europei, la sua generazione ha costruito una casa a metà per l’Italia. L’euro significa che non si può tornare a modelli nazionali di gestione economica, svalutazione e default. Ma anche la strada in avanti, verso una riduzione del debito, trasferimenti e unione fiscale, è bloccata. Bloccata, la politica dei mandati popolari non funziona: l’unica politica che sembra in grado di farlo è la Draghipolitik.

Dopo essersi alzato in piedi con una mascherina sul volto in Parlamento, il tecnocrate senza partito – ma padrone della politica – osserva la sua coalizione di sei partiti che va dai populisti di destra della Lega a frammenti dell’estrema sinistra. Vede anche la sua occasione storica. Nessuno sa meglio di lui che la vera politica dell’Europa è la politica del debito dell’Eurozona. 

Ecco perché Bruxelles e Parigi osservano ora Draghi con attenzione. Riuscirà a investire con successo i 200 miliardi di euro dell’Italia del fondo di ripresa? “Il Primo ministro vede così la sua missione economica”, dice un alto funzionario italiano. “Sta cercando di dimostrare come il nuovo debito comune del fondo di ripresa possa riavviare la crescita italiana. Draghi ha fatto il caso di un forte sostegno fiscale per affrontare i rischi futuri nella zona euro”. Spendere saggiamente il denaro è la sua strada per rendere il fondo quel sostegno permanente. Se riuscirà a tenere insieme la sua coalizione, Draghi può governare in questo modo fino alle prossime elezioni previste nel 2023. Ma prima di allora, quando il mandato di Mattarella scadrà l’anno prossimo, ci si aspetta che punti alla presidenza. “Questo è stato a lungo il ruolo che avrebbe preferito”, ha detto una fonte. Più che un ruolo cerimoniale, con i poteri di formazione della coalizione che si aprono nel sistema Italia, gli permetterebbe di essere il vincolo interno.  

Un crollo dell’euro è ormai improbabile. Questa è la sua eredità. Il rischio che l’Europa affronta ora è che il sistema Euro – la casa incompiuta – faccia lentamente all’UE nel suo complesso quello che ha fatto all’Italia, mettendola su una traiettoria di crescita permanentemente più bassa. L’UE ha bisogno di un debito collettivizzato per un maggiore stimolo collettivo. Ma gli eredi della Merkel saranno d’accordo? Con tutte le implicazioni per la sovranità di quella che è in definitiva un’unione di trasferimenti? Finché qualcuno non riuscirà a fare il prossimo doloroso passo di consolidamento, il rischio è che l’Unione continui a perdere la battaglia per la globalizzazione. Draghi mostra cosa è possibile. 

Dopo essersi alzato in piedi con una mascherina sul volto in Parlamento, il tecnocrate senza partito – ma padrone della politica – osserva la sua coalizione di sei partiti che va dai populisti di destra della Lega a frammenti dell’estrema sinistra. Vede anche la sua occasione storica. Nessuno sa meglio di lui che la vera politica dell’Europa è la politica del debito dell’Eurozona. 

Ma il prezzo della Draghipolitik è questo: un consolidamento senza democrazia. Élite potenziate con elettori alienati. Una politica che solo uomini come lui possono giocare. Il che, indebolendo i partiti e l’importanza delle elezioni, rende l’unica altra via per arrivare a un’Europa migliore, un movimento transnazionale e democratico per un’Eurozona più giusta, ancora meno praticabile. La Draghipolitik può offrire un percorso verso una soluzione tecnocratica, ma aggrava il problema politico. 

Oggi Draghi è seduto sullo zeitgeist: promettendo di avviare l’uscita dell’Italia dal neoliberismo, il suo più recente pensiero fiscale si allinea perfettamente alla Bidenomics. Ma non basta. Ora ha bisogno di fare l’opposto di quello che si era prefissato di fare all’inizio: favorire una nuova generazione di politici forti che gli succedano. Solo questo può rompere il ciclo che sta indebolendo l’Italia. 

Draghi ama citare Il Gattopardo, il grande romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa su un nobile siciliano che si adatta alla vita in una nuova Italia unita da Cavour e Garibaldi. “Tutto deve cambiare perché tutto rimanga uguale”, è l’ironica massima citata più volte. Eppure, alla fine del romanzo, l’Italia unita è davvero arrivata.

Ma cos’è questa Europa? Questo sistema, quello di Draghi, è un sistema che si è spoliticizzato per sopravvivere. Ed è sopravvissuto Ma a costo di non saper più distinguere tra stabilità e stagnazione. Un sistema che sa fare solo il minimo indispensabile. Non tutto il necessario.

Ben Judah

CREDITS

Una versione in inglese di questo articolo è stata pubblicata precedentemente su The Critic.

Davide Lerner ha contribuito alla realizzazione dell’articolo.

Lascia una risposta