EUROPANAZIONE

ESTERI E GEOPOLITICA

CAPIRE LO SPIONAGGIO ECONOMICO: IL PRESENTE

L’ascesa al ruolo di unica superpotenza da parte degli USA agli inizi degli anni Novanta ha collocato Washington DC al centro degli appetiti dello spionaggio economico delle potenze emergenti.

FONTE: https://www.progettoprometeo.it/archives/9931

Dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti si sono affermati saldamente come potenza politica e industriale globale. Con la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, è diventata l’unica superpotenza mondiale. Questa ascesa ha reso gli Stati Uniti l’obiettivo principale dello spionaggio industriale all’inizio del XXI secolo da parte dei principali paesi che cercano di minare il loro potere relativo, Russia e Cina.

Unione Sovietica e Federazione Russa

A metà del XX secolo, l’Unione Sovietica ha presentato agli Stati Uniti la più chiara minaccia di spionaggio. Aveva appena fatto esplodere la sua stessa bomba atomica nel 1949 che pose fine al monopolio quadriennale degli Stati Uniti sulle armi nucleari, in gran parte grazie allo spionaggio sovietico completo sul Progetto Manhattan. Ma lo spionaggio sovietico non si limitava all’intelligence strategica e militare; i sovietici erano anche immensamente interessati ai segreti industriali degli Stati Uniti.

La spinta della Russia ad acquisire proprietà intellettuale è iniziata molto prima della Guerra Fredda. Dopo la formazione dell’Unione Sovietica nel 1922, era un imperativo politico per i suoi leader accelerare ed espandere l’industrializzazione per raggiungere gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Germania e la Francia, che avevano tutti iniziato l’industrializzazione prima della Russia imperiale. Una parte importante di quella strategia fu l’istituzione della Amtorg Trading Corp., un ufficio sovietico a

New York che promuoveva relazioni commerciali e investimenti, ma era ampiamente sospettato di servire come base per lo spionaggio economico sovietico sin dalla sua fondazione negli anni ’20. I sovietici si resero presto conto che il possesso di segreti commerciali non era sufficiente per replicare la tecnologia. Ad esempio, sembra che i dipendenti di Amtorg abbiano messo le mani sui progetti per la fabbricazione di un modello di trattore Ford, ma gli sforzi per replicare il trattore nell’Unione Sovietica siano falliti. Così i leader sovietici hanno assunto un importante designer industriale di Detroit, Albert Kahn, per progettare fabbriche in grado di costruire trattori in modo efficiente. Desideroso di guadagni all’inizio degli anni ’30 in seguito al crollo del mercato azionario, Kahn accettò il contratto, ma i sovietici lo interruppero presto. Dopo aver ottenuto i progetti per una fabbrica, lo replicarono da soli piuttosto che continuare a pagare Kahn per costruire fabbriche per loro. La storica dell’architettura russa Sonia Melnikova-Raich ha sostenuto che l’Unione Sovietica sotto Josif Stalin ha estrapolato dai progetti di Kahn molto più della semplice produzione di trattori, anche la creazione di mezzi più efficienti per la produzione di veicoli passeggeri, camion e persino cisterne. Ciò ha permesso all’Unione Sovietica di sviluppare la sua intera industria della difesa. Alla fine, i progetti della fabbrica di trattori di Kahn aiutarono i sovietici nella loro lotta contro la Germania nazista ed a mantenere la parità con gli Stati Uniti nella guerra fredda che seguì.

L’Unione Sovietica ha continuato a fare affidamento sull’imitazione della tecnologia americana ed europea e sul furto di segreti commerciali durante la Guerra Fredda, con risultati contrastanti. Ad esempio, il Tupolev TU-144 sovietico era una chiara imitazione dell’aereo passeggeri supersonico anglo-francese Concorde. Mentre i sovietici erano in grado di eguagliare (e persino superare) il Concorde in velocità, il progetto soffriva di una mancanza di domanda e di problemi di sicurezza. La zona economica del Nord Atlantico aveva creato una richiesta di viaggi rapidi tra l’Europa e il Nord America per le ricche élite commerciali. Anche l’ampia geografia dell’Unione Sovietica avrebbe potuto beneficiare dei viaggi passeggeri supersonici, ma la domanda di voli tra Mosca e il resto dell’Unione Sovietica non era neanche lontanamente paragonabile alla domanda di viaggi transatlantici. A seguito di diversi arresti anomali, il TU-144 alla fine ha volato solo 55 volte trasportando passeggeri. In definitiva, il programma sovietico TU-144 era più motivato da un desiderio politico di mantenere la parità tecnologica che da una domanda commerciale sostenibile.

La Russia continua a rappresentare un’elevata minaccia di spionaggio per i paesi e le aziende di tutto il mondo. Mentre il crollo dell’Unione Sovietica all’inizio degli anni ’90 ha portato a un decennio di disordini politici, c’è stata una grande continuità nelle attività di spionaggio della nuova Federazione Russa. Testimonianze di questa continuità sono gli arresti dell’ufficiale della CIA Aldrich Ames nel 1994 e dell’agente dell’FBI Robert Hanssen nel 2001, entrambi i quali hanno fornito informazioni politiche e strategiche ai sovietici ed ai loro successori all’interno della Federazione Russa. Ulteriori arresti e smantellamento di reti di spie associate ad agenti russi come Anna Chapman (2010) e Maria Butina (2018) è continuato per tutti gli anni 2010. Oggi, la Federazione Russa continua a rappresentare una minaccia di spionaggio economico anche per le aziende. Almeno tre casi di spionaggio economico russo contro le informazioni degli utenti e segreti commerciali tecnologici presso grandi aziende come Yahoo, GE e Boeing hanno provocato inchieste federali negli Stati Uniti tra il 2016 e il 2019. Nel 2020, un dipendente Tesla ha allertato le autorità dopo un approccio sospetto da parte di un cittadino russo che voleva che il dipendente installasse un codice dannoso sulle reti di Tesla per estorcere denaro alla società. Sebbene le accuse contro questo cittadino russo non menzionassero specificamente lo spionaggio, gli attacchi di cyber-spionaggio su Yahoo hanno mostrato una sovrapposizione tra i gruppi criminali russi e l’apparato di intelligence dello stato.

Anche le moderne campagne di spionaggio economico russo sembrano replicare il modello di stabilire una presenza commerciale in un mercato per ottenere l’accesso ai segreti commerciali. Nel 2015, gli agenti dell’FBI hanno arrestato Evgeny Buryakov e lo hanno accusato di spionaggio per conto del Foreign Intelligence Service (SVR) russo. Buryakov stava lavorando sotto copertura non ufficiale per la banca di sviluppo statale russa Vnesheconombank per reclutare fonti nei settori dell’energia e della finanza a New York. Inoltre, l’FBI ha emesso avvisi pubblici nel 2014 sulla potenziale minaccia di intelligence che le società di investimento in capitale di rischio sostenute dallo stato come Rusnano rappresentano per il settore tecnologico statunitense.

La Repubblica Popolare Cinese

Il chiaro capofila nello spionaggio economico del 21 ° secolo è la Repubblica Popolare Cinese e il suo Ministero per la Sicurezza di Stato, che è stato implicato in decine di accuse di furto di segreti commerciali negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Tra il 1996 e il 2019, la Cina è stata responsabile di 66 (32%) dei 206 casi federali statunitensi riguardanti accuse relative all’Economic Espionage Act del 1996. La Cina era seconda solo ad altre società statunitensi, che rappresentavano 76 casi del 2016 ( 37%) nello stesso periodo. In un arco di tempo più recente, dal 2016 al 2019 la Cina ha rappresentato la metà di tutte le accuse relative allo spionaggio economico (18 su 36 casi). Il direttore dell’FBI Christopher Wray ha chiarito che il governo degli Stati Uniti vede lo spionaggio cinese come una minaccia seria e crescente. Durante le osservazioni pubbliche nel 2020, Wray ha osservato che l’FBI apre un nuovo caso di controspionaggio relativo alla Cina in media ogni 10 ore e che dei quasi 5.000 casi di controspionaggio dell’FBI attivi in corso nel 2020, la metà era collegata alla Cina. Wray ha notato che questo ha segnato un aumento del carico di lavoro del 1.300% nell’ultimo decennio. Anche l’impatto economico è considerevole: il ricercatore Nicholas Eftimiades ha stimato che le attività di spionaggio economico cinese hanno rappresentato $ 320 miliardi di perdite all’anno nel 2018, o l’80% del costo totale del furto di proprietà intellettuale negli Stati Uniti stimato in $ 400 miliardi all’anno dal direttore dell’intelligence nazionale. 300% negli ultimi dieci anni. Anche l’impatto economico è considerevole: il ricercatore Nicholas Eftimiades ha stimato che le attività di spionaggio economico cinese hanno rappresentato $ 320 miliardi di perdite all’anno nel 2018, o l’80% del costo totale del furto di proprietà intellettuale negli Stati Uniti stimato in $ 400 miliardi all’anno dal direttore dell’intelligence nazionale. 300% negli ultimi dieci anni. Anche l’impatto economico è considerevole: il ricercatore Nicholas Eftimiades ha stimato che le attività di spionaggio economico cinese hanno rappresentato $ 320 miliardi di perdite all’anno nel 2018, o l’80% del costo totale del furto di proprietà intellettuale negli Stati Uniti stimato in $ 400 miliardi all’anno dal direttore dell’intelligence nazionale.

Gli Stati Uniti hanno introdotto una serie di politiche, che vanno dalle sanzioni alle restrizioni per studenti e programmi cinesi, progettate per identificare e prevenire lo spionaggio economico. La storia, tuttavia, suggerisce che le misure preventive rallenteranno nella migliore delle ipotesi il trasferimento di tecnologia. La Cina e il Regno Unito avevano in atto misure draconiane per scoraggiare il trasferimento illecito di tecnologia: la Cina ha minacciato di morte i trasgressori e il Regno Unito ha vietato agli artigiani di determinati settori di viaggiare. Ma anche allora, i segreti si sono fatti strada. L’attuale ondata di spionaggio economico guidato dalla Cina che prende di mira gli Stati Uniti è ancora più difficile da fermare perché i legami commerciali strategicamente importanti tra i due paesi facilitano il flusso di informazioni e rendono le politiche di controspionaggio estremamente costose. Gli Stati Uniti hanno scambiato beni per 558 miliardi di dollari con la Cina nel 2019; qualsiasi politica per contrastare lo spionaggio economico dovrà tener conto della realtà economica della necessità di continuare a fare affari con la Cina.

L’interesse strategico della Cina nel condurre lo spionaggio economico è stato chiarito attraverso iniziative come Made in China 2025 e il Thousand Talents Plan. Un piano industriale pubblicato nel 2015, Made in China 2025 mira a trasformare l’economia manifatturiera cinese ad alta intensità di manodopera a leader nella produzione di tecnologia a più valore aggiunto. Il piano include anche il raggiungimento del 70% di autosufficienza nelle industrie ad alta tecnologia entro il 2025 e dominare i mercati tecnologici globali entro il 2049, il 100 ° anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese. Il Thousand Talent Plan è un’altra strategia familiare che cerca di reclutare scienziati, ricercatori e professionisti del settore per lavorare in Cina, portando così il know-how per aiutare la Cina a raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi. Negli ultimi anni, gli investigatori statunitensi hanno affermato che il piano dei mille talenti ha offerto ai dipendenti bonus in denaro mirati per aver portato con sé documenti sensibili e segreti commerciali quando si sono trasferiti in Cina. Un’indagine federale degli Stati Uniti ha accusato i reclutatori cinesi di aver offerto un ingegnere presso una società energetica statunitense per oltre $ 170.000 nel 2018 per portare segreti relativi alla tecnologia delle batterie su cui la sua azienda stava lavorando.

Gli incentivi finanziari si presentano anche sotto forma di investimenti e promesse di attività imprenditoriali redditizie. Un ricercatore di scienze dei materiali con sede in Texas ha utilizzato diversi milioni di dollari in finanziamenti cinesi per adattare la tecnologia della schiuma sintattica – che consente un maggiore controllo dell’assetto nelle moderne navi marittime – dal suo precedente datore di lavoro e ha avviato la sua società nel 2014 che ha fornito alla Cina i segreti che cercava. Incentivi simili sono applicabili nell’industria farmaceutica, alla quale anche la Cina è fortemente interessata. Nel 2016, gli investitori cinesi (probabilmente con il sostegno dello stato) hanno attirato un biochimico che lavora sugli anticorpi monoclonali per prendere materiali sensibili dal suo datore di lavoro, GlaxoSmithKline, e tentare di avviare la propria attività rivale in Cina. Sebbene gli Stati Uniti siano un obiettivo primario, non sono affatto l’unico obiettivo . L’azienda chimica industriale tedesca BASF è stata presa di mira dai tentativi di spionaggio economico cinese a Taiwan, così come il conglomerato di ingegneria industriale e produzione di acciaio ThyssenKrupp. Una delle operazioni di controspionaggio di maggior successo negli ultimi anni contro gli sforzi di spionaggio cinese si è svolta in Belgio, dove le autorità hanno arrestato Yanjun Xu, funzionario del ministero della Sicurezza di Stato, per i suoi sforzi nel reclutare fonti di intelligence all’interno delle aziende. Una delle principali differenze tra l’attuale campagna di spionaggio cinese e quelle precedenti è il ritmo e la portata con cui si sta verificando il trasferimento di tecnologia. La tecnologia moderna ha facilitato lo spionaggio in molti modi. L’archiviazione digitale delle informazioni e dei mezzi elettronici di raccolta consente agli operatori dell’intelligence di raccogliere e trasferire terabyte di informazioni su un disco rigido facilmente occultabile o su un server anonimo. Il codice sorgente e il software che è così spesso l’obiettivo delle moderne campagne di spionaggio possono anche essere sfruttati molto più rapidamente delle tecnologie del passato, che hanno richiesto anni (se non decenni) per essere ricreate. Tecniche di cyber-spionaggio consentire ai collezionisti l’accesso alle informazioni sensibili senza le complicazioni logistiche di agenti o informatori che inviano in missioni lunghe e costose attraverso il territorio ostile. L’archiviazione digitale del contrabbando semplifica il mantenimento dell’integrità dei documenti e la loro condivisione nel modo più ampio necessario. Tutto ciò contribuisce allo spionaggio su una scala che supera di gran lunga il lento gocciolamento di informazioni durante le campagne precedenti.

È chiaro che la Cina ha l’interesse, l’intento e la capacità di condurre lo spionaggio economico – che è stato dimostrato attraverso dozzine di arresti, accuse e condanne nell’ultimo decennio. La Cina sembra anche in una buona posizione per sfruttare i segreti commerciali acquisiti attraverso lo spionaggio, data la sua vasta base manifatturiera, il capitale per supportare nuove start-up e il supporto politico per l’innovazione tecnologica attraverso il programma Made in China 2025 e Thousand Talents. L’obiettivo principale della Cina, gli Stati Uniti, ha intensificato gli sforzi di controspionaggio in risposta. Ma che si tratti di produzione di seta cinese, fabbriche tessili britanniche o processi di produzione di fabbriche americane, la storia ha dimostrato che è molto difficile fermare la diffusione di una tecnologia di successo. La storia ha anche dimostrato che lo spionaggio economico da solo non è sufficiente per tradurre i segreti commerciali rubati in successo economico, come nel caso dei tentativi francesi di apprendere i segreti della produzione cinese di porcellana o degli sforzi sovietici per replicare il trattore Ford. Sebbene Pechino abbia molte forze che lavorano a suo favore, il suo ambizioso obiettivo di raggiungere il dominio globale nella tecnologia entro la metà del secolo non è affatto garantito. Ciò che è chiaro, tuttavia, è che lo spionaggio economico continuerà a rappresentare una minaccia per le aziende e i paesi che beneficiano del loro lavoro per gli anni a venire. Successivamente nella serie, esploreremo il futuro dello spionaggio economico. La Cina non è la prima e non sarà l’ultima a fare affidamento sullo spionaggio economico per raggiungere obiettivi industriali politicamente motivati. Quali altri paesi trarranno vantaggio dallo spionaggio economico e chi potrebbero prendere di mira?

Bianca Stan

Lascia una risposta