EUROPANAZIONE

ESTERI E GEOPOLITICA

CENTRAFRICA. LA GUERRA CIVILE MARCIA SULLE ELEZIONI CONTESTATE

FONTE: https://internettuale.net/4351/centrafrica-la-guerra-civile-marcia-sulle-elezioni-contestate

Nella Repubblica Centrafricana, è attesa per il prossimo martedì 19 gennaio la proclamazione ufficiale della rielezione del presidente Faustin-Archange Touadéra. A dire l’ultima parola sarà la Corte Costituzionale. Intanto, i ribelli hanno conquistato la città di Bangassou. Con circa 25 mila abitanti, un aeroporto e un collegamento via traghetto con la Repubblica Democratica del Congo, la città è anche sede della diocesi cattolica romana. Notizie di prima mano le ha date per l’appunto Juan José Aguirre Muñoz, Vescovo di Bangassau. Monsignor Aguirre ha parlato di una fuga in massa della popolazion che s’è rifugiata dall’altra parte del fiume in Congo e dell’asilo concesso alle forze armate governative e di polizia dalla base dei Caschi Blu della MINUSCA (https://internettuale.net/4340/centrafrica-anche-i-caschi-blu-dellonu-violentano-le-donne ).

Secondo l’Autorità Elettorale Nazionale, il presidente Touadéra è stato rieletto con il 53,9% dei voti, mentre il suo principale avversario Anicet Georges Dologuélé ha superato di poco il 21%. Va sottolineato che ha votato nel complesso la metà degli aventi diritto al voto e che sono pendenti numerosi ricorsi per compravendita di voti e frodi.

Non ci saranno sorprese, Touadéra sarà riconfermato. La forza della Coalition des patriotes pour le changement (CPC) si è già manifesta con la conquista di Bangassau e l’occupazione di gran parte del territorio nazionale, per cui non è affatto ipotizzabile un’offensiva su vasta scala in grado di “convincere” i magistrati della Corte Costituzionale ad accettare i ricorsi che inficiano il risultato elettorale. Va anche considerato che i “supporter” del presidente Touadéra sono forti e ben piazzati sul territorio, a cominciare dai Caschi Blu delle Nazioni Unite (https://internettuale.net/4324/centrafrica-uccisi-da-guerra-e-fame-tra-oro-e-diamanti). Inoltre, è stata  la presenza di mercenari russi e soldati rwandesi che finora ha impedito al CPC di arrivare fino alla capitale Bangui.

Giuseppe Spezzaferro

Lascia una risposta