EUROPANAZIONE

POLITICA

NÉ FASCISTA NÉ PALESTINESE

Dopo quarant’anni potete dire la verità sulla strage di Bologna!

Quarant’anni dopo, quella che è conosciuta come la strage più mortifera della storia italiana è ancora impunita. E continuerà verosimilmente a esserlo.

In quarant’anni di inquinamenti, d’insabbiamenti e di depistaggi sono comunque emersi degli elementi significativi che però le istituzioni – iniziando dalla Procura di Bologna – si ostinano a ignorare e che altre parti politiche impugnano travisandoli non poco.

Siamo al muro contro muro tra due depistaggi peraltro confezionati entrambi tre settimane prima della strage dai nostri apparati d’intelligence: la pista “fascista” e la pista “palestinese”.

Questi depistaggi, entrambi graditi agli stragisti e ai loro padroni, mandano in vacca tutti gli elementi emersi che si ritrovano spalmati sull’una o sull’altra tartina, completamente svuotati dei loro significati.

Gli elementi emersi ci parlano della presenza in loco di terroristi internazionali (provenienza Francia, Germania, Sud America e Italia) sul luogo dell’esplosione. Ci attestano che questa avvenne di sorpresa sacrificando almeno due portatori di bombe. Ci riportano a strutture clandestine del terrore nate sulle reti partigiane fin dalla Guerra di Spagna e coperte da strutture internazionali legate perfino all’Onu. Ci attestano la complicità preventiva, continuativa e pregressa del gotha dei servizi massonici e di alcuni ministeri, a cominciare da quello dell’Interno. Ci confemano che all’epoca era in atto una guerra tra Israele e l’Iraq che coinvolgeva chi l’Iraq stava armando e rifornendo (Italia e Francia).

Nessuno vuole evidentemente dipanare questa matassa e ammettere la verità.

Si continuerà allora a indicare colpevoli di comodo e si andrà regolarmente al massacro della verità.

La strage non fu fascista né palestinese. Piantatela di ragliare alla luna sperando che le solite mani vi passino qualche carota!

Gabriele Adinolfi

Lascia una risposta