EUROPANAZIONE

KULTURA

TRADIZIONE E/O NICHILISMO?

A oltre 30 anni dalla prima edizione1 viene ripubblicata, in una versione notevolmente accresciuta, Tradizione e/o nichilismo? – letture e ri-letture di “Cavalcare la tigre”2 una delle opere più importanti di Julius Evola. In aggiunta alla nuova prefazione di Maurizio Murelli che spiega il significato di un’interpretazione di un libro che è alla soglia dei 60 anni di vita e chiarisce il senso della pubblicazione anticipata di un anno rispetto allo scadere ufficiale del sesto decennio della prima edizione3 del libro del barone. 

L’opera di Evola è sempre attuale e necessaria in un’epoca della dissoluzione  che ne  contraddistingue il sottotitolo  e che profeticamente il filosofo romano prevedeva già appunto nel lontano 1961, anche se dagli interventi degli autori che contribuiscono alla seconda edizione di Tradizione e/o nichilismo? sappiamo che essa fu concepita parallelamente a Gli uomini e le rovine4 scritto e pubblicato nei primi anni Cinquanta con la prefazione del leggendario Comandante della Xa Flottiglia MAS, il principe Junio Valerio Borghese. 

In Tradizione e/o nichilismo? troviamo gli scritti dei maggiori epigoni del pensiero evoliano che ebbe risonanza prevalentemente negli ambienti della destra radicale del secondo dopoguerra e che gravitavano principalmente attorno alla rivista Orion: Alessandra Colla, Carlo Terracciano, Omar Vecchio qui con un nuovo apporto, Arthos, Titus Burckhardt, Franco G. Freda che di Cavalcare la tigre diede un’esposizione “operativa” nel suo La disintegrazione del sistema5 interpretazione che sembra non piacque a Evola per via dell’ideazione da parte dell’Editore padovano della realizzazione di uno Stato comunista, depurato dalle intossicazioni marxiste, ma organizzato su basi gerarchiche e di tipo nazional-popolare. Poi abbiamo Adriano Romualdi, anch’egli con due elaborati e autore di una biografia autorizzata dal barone Julius Evola: l’uomo e l’opera 6

Le riflessioni di Colla, Terracciano, Vecchio, Arthos, Burckhardt, Freda e Romualdi erano già presenti nella prima edizione. 

Come detto il volume è arricchito da nuovi e preziosi contributi a partire da quello del noto filosofo russo Aleksandr Dugin di cui sono da ricordare i recentissimi lavori, Il Soggetto radicale. Teoria e fenomenologia7, libro in cui il pensatore di Mosca riprende il concetto di uomo differenziato di Cavalcare la tigre e lo riattualizza per il XXI secolo affermando che il mondo post-moderno è il mondo in cui il sovvertimento dei valori tradizionali ha definitivamente preso il sopravvento e tutto ciò che esso ha generato, in primis la globalizzazione capitalistica e consumista e la riduzione a merce persino dei rapporti umani, è da rigettare completamente per dare all’uomo la sua dimensione normale e naturale. Successivamente al Soggetto radicale è stato tradotto in italiano Platonismo politico8 dove la riflessione politica del filosofo greco è presa a modello per la gestione della res publica anche nell’età contemporanea e per Dugin ogni buon politico dovrebbe aver letto e capito Platone. L’appendice di questo volume è molto interessante in quanto viene riportato il duello intellettuale che Dugin ha intrattenuto con Bernard Henri-Levy, altrettanto noto pensatore francese di origine ebraica, sostenitore dell’ideologia dei diritti dell’uomo e della democrazia liberale tenuto in grande considerazione dall’élite cosmopolita globalista. Come è ovvio i due filosofi pur rispettandosi sono divisi su tutto ciò che riguarda i destini del mondo. 

Infine Noomachìa. Rivolta contro il mondo postmoderno9 costituisce un’introduzione a una vastissima opera enciclopedica, anzi antienciclopedica visto l’origine illuministica del termine che Dugin, “il filosofo più pericoloso del mondo”, avversa e si basa sull’analisi del Logos di Apollo, quello di Dioniso e per concludere quello di Cibele; vengono studiati anche i Logos della civiltà indoeuropea, base di ogni organizzazione umana ancestrale, quello cristiano e il Logos serbo.

 Noomachìa è nata infatti come un resoconto di un corso introduttivo tenuto nel 2018 a Belgrado. 

Quindi proseguendo nella lettura di Tradizione e/o nichilismo? ci sono gli interventi di: Francesco Marotta referente del G.R.E.C.E. di Alain de Benoist per l’Italia, Andrea Scarabelli, vice presidente della fondazione Julius Evola, Giovanni Sessa, con un originale scritto sulla musica e la Nuova essenzialità, Luca Siniscalco giovane professore universitario, e infine Gianfranco de Turris, curatore della edizione critica dell’ opera omnia di Evola per le Edizioni Mediterranee e presidente della fondazione. 

Il punto che tutti gli interventi osservano è che il barone, nella sua definizione di uomo differenziato, cioè di colui che si sarebbe dovuto elevare e porsi oltre il «punto zero» del nichilismo e riaffermare i principi della Tradizione che sarebbero risorti dalla fine del Kali Yuga e ritornare, secondo la teoria dei cicli cosmici dell’induismo a una nuova Età dell’Oro, fu premonitore e preveggente. Inoltre altro argomento di punta di Cavalcare la tigre è l’apolitìa che è stata spesso fraintesa in una sorta di ripiegamento “autistico” in sé stessi, mentre rappresenta una forma di concentrazione e fermezza interiori che devono essere sfruttati nel migliore dei modi per il consolidamento delle proprie posizioni spirituali. Per cui di conseguenza l’affermazione evoliana che non esistono attualmente dei partiti, dei movimenti e degli schieramenti a cui aderire è da intendersi solamente in questo in senso.

Solo in un’intervista che il pensatore concesse alla rivista Ordine Nuovo10 alla domanda:

Nella sua ultima opera, Il cammino del cinabro, sono state notate alcune considerazioni negative circa l’ambiente italiano per quel che riguarda un risveglio di studi tradizionali. Per converso risultano esservi vari gruppi che, a prescindere dalla loro qualificazione politica, si dicono allineate su posizioni tradizionalistiche. A conoscenza, come Lei è, di tali gruppi, non crede che possano essere in vario modo utili, se non altro richiamando l’attenzione sulle verità tradizionali oggi così rinnegate?

Nella risposta che Evola diede si può citare questo passo significativo:

(…) Non perché è con voi che sto parlando, ma debbo riconoscere che, come orientamento dottrinario generale (prescindendo dunque del tutto dalle sue iniziative e tattiche sul piano della lotta politica), solamente il gruppo «Ordine Nuovo» di tutti gli elementi di allora, è rimasto sulle posizioni (…).

La teoria dei cicli cosmici indù non può essere paragonata all’eterno ritorno dell’uguale di Nietzsche, anche se esse hanno in comune una concezione ciclica del tempo e non lineare, su cui Evola si formò da ragazzo oltre che sui libri di Carlo Michelstaedter e Otto Weininger, filosofi morti suicidi in giovane età per delle crisi esistenziali che anche il barone ebbe dopo l’esperienza artistica come teorico, poeta, e pittore dadaista considerato dai critici come il più importante esponente italiano di questa corrente d’avanguardia fondata dal romeno di religione ebraica Tristan Tzara con il quale Evola intrattenne anche un epistolario riportato in Teoria e pratica dell’arte d’avanguardia. Manifesti, poesie, lettere, pittura11, ma che riuscì a superare attraverso la lettura di un passo del Buddha sull’estinzione che lo illuminò consentendogli di aprirsi una nuova via in solitudine nella filosofia come è riportato nell’autobiografia spirituale Il cammino del cinabro13.

In effetti in Cavalcare la tigre la possibilità di togliersi la vita volontariamente è vista come un’eventualità per chi decide di escludersi completamente e definitivamente da ogni aspetto della nostra epoca, anche ricorrendo al gesto estremo come nei casi di Yukio Mishima di cui il 25 novembre di quest’anno ricorre il cinquantenario del seppuku o del più recente evento eclatante nella sua drammaticità di Dominique Venner, il samurai d’Occidente.

Di Nietzsche, della sua affermazione «Dio è morto» e della frase nichilistica per cui il superuomo è «il vincitore di Dio e il Nulla» contenuti nello Zarathustra, Evola ne apprezza la diagnosi negativa del mondo moderno, afflitto dai mali del cristianesimo, e lo considera fondamentale per la sua crescita intellettuale ma ne avvertì i limiti, come spiega in due articoli compresi nell’appendice e apparsi sul Meridiano d’Italia nel 1953 e sul Roma nel 1971.

Questa nuova edizione è perciò di basilare importanza per comprendere la poliedrica opera di un pensatore e artista complesso e di primo piano nel panorama culturale del XX secolo, i cui libri continuano ad essere letti da chi vuole avere una visione del mondo, della storia e della vita che non siano quelli prodotti dalla società materialista, priva di ogni afflato spirituale e trascendente, sia che essa abbia origine dal capitalismo che dal marxismo, entrambi due facce della stessa medaglia, come il Nostro anticipò fin dal 1934 con Rivolta contro il mondo moderno13 nel quale  intravvedeva nell’americanismo e nel bolscevismo una tenaglia che si stava chiudendo sull’Europa, che attraverso il fascismo, il nazionalsocialismo e movimenti affini – come la Guardia di Ferro di Corneliu Zelea Codreanu con il quale il filosofo ebbe un incontro che lo impressionò favorevolmente per la singolare personalità del Capitano e l’originalità del movimento legionario romeno che aveva dei tratti mistico-ascetici – venivano parzialmente avversati da Evola per la loro demagogia e la concessione a quelle che lui definiva istanze “plebee” ma di cui apprezzava alcuni aspetti riconducibili alla loro attività di rettificazione nella concezione dell’uomo nuovo da considerarsi nella sua totalità e integralità e per la loro opera di  restaurazione dell’idea politica tradizionale dello Stato organico.

Tradizione e/o nichilismo? in questa seconda e nuova edizione è pertanto un libro assolutamente da leggere perché attraverso gli apporti, vecchi e nuovi, degli studiosi che si sono cimentati nella corretta lettura e ri-lettura di questo autentico livre de chevet fanno comprendere che Evola anticipò di parecchi decenni il «che fare» nei confronti di una società e più in generale di un’epoca in cui la resistenza alla dissoluzione, da intendersi in ogni campo della vita sia individuale che sociale, dove prevalgono la demonìa dell’economia, del sesso, l’homo oeconomicus e il mito del progresso citati da Adriano Romualdi nello scritto presente in quest’antologia, Cavalcare la tigre: negazione di una negazione, considerato l’esegeta più caro al filosofo tradizionalista precocemente e tragicamente scomparso nel 1973 poco più che trentenne, non sono il nostro destino.

Franco Brogioli

Note:

1. Edizioni Barbarossa, Saluzzo, 1988.

2. AGA Editrice, Milano, 2020.

3. Scheiwiller, Milano, 1961; 7edizione, Edizioni Mediterranee, Roma, 2009.

4. Edizione dell’Ascia, Roma, 1953, ultima ed. Edizioni Mediterranee, Roma, 2001.

5. 1ed, Edizioni di Ar, Padova, 1969, ultima ed. 2010.

6. 1ed. 1968, 4a ed. Su Evola, Fondazione Julius Evola, Roma, 1998).

7. AGA Editrice, Milano, 2019.

8. AGA Editrice, Milano, 2020.

9. AGA Editrice, Milano, 2020.

10. A colloquio con Evola (a. X, n, 1-2, gennaio-febbraio 1964, pp.40-55) ora riportato in: Julius Evola, I testi di Ordine Nuovo, Edizioni di Ar, Padova, 2001.

11. Edizione Mediterranee, Roma, 2018

12.1a ed. Scheiwiller, Milano, 1963; 4a edizione e ampliata, Edizioni Mediterranee, Roma, 2018. 

13. Edizioni Mediterranee, Roma, 1998.

Lascia una risposta