EUROPANAZIONE

SPIRITO ANTIMODERNO

L’ANTIVIRUS SI CHIAMA SPIRITO EUROPEO

Siamo al giro di boa. Un’epoca si sta chiudendo, un’altra si affaccia in questi nuovi anni Venti. Come nel 1929 quando  il mondo occidentale fu squassato dagli effetti della crisi economica di Wall Street, oggi la crisi legata alla diffusione del Coronavirus sta ridisegnando gli scenari mondiali dal punto di vista non solo economico, ma sociale e psicologico di massa.

Tutto sta saltando: un Sistema di sovranità nazionali già zoppicante di suo, una visione culturale democratica che oggi scopre l’isolamento, la paura e l’universo carcerario per milioni di persone  dopo aver promosso il laissez-faire dei comportamenti etici, di costume e sociali che si vorrebbero ora rigidamente contenere con sanzioni e comportamenti da caserma, come se le masse europee fossero pronte e disciplinate a combattere una guerra.

L’Italia poi che non ha avuto mai una coscienza nazionale, se non durante il Fascismo, arranca in preda al pressapochismo ed alla faciloneria, con una burocrazia lenta, parcellizzata ed incapace, con Governi composti da persone che andrebbero perseguite per Alto Tradimento ed una gran parte della popolazione che non avendo una direzione, è in preda all’anarchia comportamentale come si è visto in quest’ultimo fine settimana alla Stazione di Milano.

Lo Stato abdica, la Chiesa abdica, la “Cultura” tace e si limita a balbuzienti appelli a rispettare le “regole civili”, lo scaricabarile tra Stato centrale e Regioni è ai limiti dell’indecenza ed in tutto questo il virus avanza e distrugge.

Il vero virus però non è il Covid, che mette a nudo tutti i limiti, ma è quello rappresentato dal modo di approcciare l’esistenza che è stato lungamente inculcato dal dopoguerra a milioni di persone, abituate al consumo ed alla superficialita, all’egoismo individuale spacciato come valore assoluto, all’irrisione di ogni vincolo comunitario, allo spregio di ogni assunzione di responsabilità: in una parola infettate dal Virus democratico che si trasmette allo stato gassoso.

Non intendiamo infatti per Democrazia solo un sistema di rappresentanza politica, ma una cultura, delle idee, una visione del mondo che ha corroso lentamente i principi che hanno condotto l’Europa per millenni fuori da ogni guerra o pestilenza più forte di prima.

Ci vuole un cambio di passo in questo senso, per liberarsi di un Habitus mentale ed interiore malato che ci rende deboli, fiacchi ed alla mercé di ogni Virus batteriologico.

L’Antivirus si chiama Spirito Europeo.

REDAZIONE KULTURAEUROPA

Lascia una risposta